MORGAN WHILE – The king of the Nowhere

A pochi giorni dall’uscita di The King of the Nowhere, il singolo di esordio di Morgan While (Federico Lovato), arrangiato e composto insieme a Luca Sven Macher (Dreamsound Labs, Routing Studio) arriva il videoclip

Girato nell’ex manicomio di Mombello, propone uno scenario surreale, postatomico, in cui Morgan While, nei panni di un sopravvissuto, vaga solitario tra i resti degli edifici devastati dalla guerra, in una ambientazione post-apocalittica inquietante, di quelle care a videogiochi quali “Fallout” o  film come “Mad Max” e “Codice Genesi”.

Il video rilegge e trasforma in  immagini la vena narrativa di carattere fantastico del brano, instillando volutamente il sospetto che il tutto si svolga in una realtà virtuale che si confonde con il mondo reale, in cui  aleggia una presenza oscura, invisibile, ma incombente: è The King of the Nowhere, lo spaventoso invasore proveniente da altri mondi, Spuntato nel cielo per sconvolgere l’intera umanità, intonando il suo spietato “canto di libertà”, mette a ferro e fuoco le nazioni più potenti, seminando morte e distruzione. I pochi sopravvissuti riescono, però, a dimenticare secoli di rancori tra razze e culture diverse, unendosi per organizzare una controffensiva: il  “canto della libertà” del pazzo genocida diventa così il canto di liberazione dall’oppressione.

The King of the Nowhere, è una sorta di allegoria della società attuale, troppo spesso dominata da odi, rancori, estremizzazione delle differenze tra popoli e persone, delle diversità di etnia, cultura, credo, natura… ma vuol lanciare un messaggio di speranza, di fiducia nei valori e nella solidarietà che possono vincere ogni divisione tra gli uomini.

Melodia e arrangiamento sottolineano ad arte i contenuti: nel  drop il sound esplosivo ricrea un’atmosfera solare, per enfatizzare l’antitesi tra la musica e i colpi di cannone, a cui corrispondono ovviamente i suoni.

La struttura e il sound design di The King of the Nowhere  richiamano Pop EDM, Future Bass, R&B (Martin Garrix, Madeon, Marshmellow, Chainsmokers) con l’utilizzo di una strumentazione quasi interamente digitale, tranne che per la chitarra elettrica (Fender Stratocaster).

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.