MORSO – Lo Zen e l’arte del rigetto

La band lombarda scaglia un macigno di noise core nelle orecchie e cervelli degli ascoltatori nell’album d’esordio. Hardcore isterico che abbraccia uno scibile di violenza sonora che va dai Dead Kennedys ai Dillinger Escape Plan passando attraverso l’attitudine estremista di John Zorn. Ciò che colpisce è soprattutto la perizia tecnica con cui viene maneggiata una materia così difficile e abrasiva. Bravissimi e grande disco.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.