NoN – Come l’ombra

Fuori dalla casetta nel bosco, si aggirava l’Ombra. Si muoveva inquieta, alla ricerca di qualcosa che non aveva e che non sapeva, mentre, a sua insaputa, il Fato e il Destino ne decidevano il futuro sfidandosi davanti ad una scacchiera.

Solo il Giudizio la salverà, ergendosi al di sopra di Fato e Destino ed interrompendo bruscamente il beffardo gioco. Potrà dunque l’Ombra avere le risposte che cercava, placare la propria irrequietezza ed incontrare finalmente la sua vera essenza?

Presentano così i NoN, con una specie di breve favola misterica dal finale aperto, il video che accompagna “Come l’ombra”, primo singolo dal nuovo disco “Sancta Sanctorum” in uscita il 15 luglio per Garage Records / I Dischi del Minollo.

Il clip è stato girato dai videomaker Ancoziba e Jonassi, mentre Jonathan Chiti e il bassista della band Massimiliano Leggieri si sono occupati della fotografia, l’editing è invece di Costanza Ballerano.

La traccia è la rilettura di una splendida canzone del Trio Lescano del 1942, che i NoN hanno virato verso il folk apocalittico accrescendone ancora di più l’intensità.

Quando vidi Il Conformista, capolavoro di Bernardo Bertolucci – racconta Andrea Zingoni, voce del gruppo – oltre che dalla visione rimasi affascinato anche da questa canzone che suggellava il film sui titoli di coda. Dovetti subito scoprire di chi fosse questo incanto soave e spettrale al tempo stesso, così feci la conoscenza del Trio Lescano. Trio di voci femminili molto in voga negli anni ’30 e ’40 in Italia, periodo, infatti, in cui si svolge il film. Abbiamo preso questa canzone, l’abbiamo scarnificata, ridotta all’osso, e poi le abbiamo costruito sopra il nostro mood, più e più volte anche in studio di registrazione modificando fino alla fine le strutture ed i suoni.

Come l’ombra” sintetizza al meglio l’atmosfera e le coordinate sonore di “Sancta Sanctorum”, il cui titolo cita un testo di Charles Bukowski. Il secondo lavoro dei NoN è un disco dark-wave-noise pulsante oscurità e speranza. Rispetto al lavoro precedente, le tematiche si fanno più interiori e il suono viene arricchito di stratificazioni e strumenti come timpani, campane, synth, organi, pianoforti ma anche scatole di attrezzi e barattoli pieni di chiodi. Per una sequela di canzoni dense e senza scrupoli che parlano di amore, vita, morte.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.