POP e cartoons

Ho sempre pensato che Hanna-Barbera producessero i cartoni animati più Rock di tutti.

Sì sì, molti possono obiettare che anche Wile E. Coyote, o Duffy Duck, ma questi non potranno mai competere con la galleria di personaggi uscita dai disegnatori del 3400 Cahuenge Boulevard a Hollywood. Gli esempi si sprecano, da Scooby Doo, la cui sigla è un evergreen, a Wacky Races – La corsa più pazza del mondo, ispirata addirittura a un film di Blacke Edwards, passando per Antenati e Pronipoti: se Fred Flinstones è il vicino di casa che ognuno vorrebbe avere, come non innamorarsi delle risatine di Muttley, povero cagnaccio vessato dall’isterico Dick Dastardly?


Le storie sono tante, a partire dal 1940 anno in cui nascono Tom & Gerry, 114 cortometraggi d’autore, irripetibili, apripista per Bracco Baldo e la sua “Oh my darling Clementine”, Yoghi e Bubu, Lupo de Lupis e chi più ne ha più ne metta.


{youtube}qEdWvYA0icg{/youtube}


Influenzati dai tempi, a cavaliere fra i ’60 e i ’70, Hanna-Barbera provano anche una strada musicale sull’onda del POP: sono gli anni delle scosciatissime e leopardatissime Josie & The Pussycats. Sulla scia del successo di Scooby-Doo e la sua banda, serie avvincente, sorretta da un’amalgama, allora inedita, di ironia e mistero/horror, Josie & The Pussycats è una storia incentrata su una girlband pop, perennemente in tour con un gruppo di amici, che, durante le pause impiegano il tempo districando misteri e vivendo incredibili avventure. Tra amori e antipatie interne, ogni episodio si conclude con le tre protagoniste sul palco del concerto.

 

Musica, cartoni animati e un progetto musicale che ha provato a uscire dal mondo dell’animazione d’autore, creando le Josie & The Pussycats in carne e ossa, calzamaglia e paperine e la cui batterista era Cheryl Ladd, la bionda Charlie’S Angels che sostituì Farrah Fawcett nell’omonima serie. Una meteora divertente, musichette da cartoni di tutto rispetto, declinate in un genere buffo già solo nel nome: Bubblegum Pop.

Nel novero delle arti moderne, l’animazione d’autore si riconosce dai tratti, dalla poesia e dalla struttura di storie e personaggi, con buona pace di Peppa Pig!

{youtube}Fg3EqU6s0pw{/youtube} 

{youtube}2-n5NuWCSog{/youtube}

Elena Miglietti

Elena Miglietti

Giornalista, appassionata di Medioevo e pallavolo, scrive favole. Per Coop ha coordinato per diverso tempo la redazione piemontese del periodico Consumatori, essendo anche membro della redazione nazionale. Da anni racconta l'esperienza delle cooperative Libera Terra, che lavorano le terre confiscate alla malavita dell'entroterra corleonese. E' fra i promotori del S.U.S.A. Collabora con Radiocoop dal 2010.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.