RICCARDO ROMANO – Darth father

Disponibile in digital download, in streaming e su YouTube con il video ufficiale “Darth Father”, il nuovo singolo del giovane cantautore milanese Riccardo Romano che attraverso l’analogia con Stars Wars vuole raccontare il rapporto, a volte difficile e conflittuale, tra padre e figlio. Nel brano, contenuto nell’EP “Circuiti” pubblicato lo scorso 18 dicembre, Riccardo Romano libera emozioni e ricordi, senza timore di condividere esperienze personali con il pubblico, dedicando le sue parole al genitore. Ne risulta un racconto intimo ma condivisibile da molti, nel quale il rapporto tra padre e figlio vive di scontri, punti di contatto e maturazione. L’intimità delle parole viene enfatizzata dalla musica, nella quale pianoforte e violini sono protagonisti.

Prestami la tua faccia tosta

guardiamo Star Wars un’altra volta

c’è il “Risveglio della Forza”

vieni qui

Metti su quella canzone

quella che cantavi tu

fammi sentire ogni nota e poi lasciami provare

rimani ad ascoltare

 

Riccardo Romano: Darth Father è un brano molto personale. L’ho scritta per mio papà,  per il suo 50° compleanno e racconto del rapporto che ho con lui, partendo da quando ero piccolo e mi portava fuori in bicicletta, mezzo che non ho mai amato da piccolo, e di quanto nonostante i nostri punti di vista siano distanti anni luce tra loro, a volte siamo molto simili. Se ho cominciato ad appassionarmi alla musica e a cantare è grazie a lui che in casa ha sempre messo la sua musica a palla e cantava Mango, in particolare “La rosa dell’inverno”, canzone a cui mi riferisco all’interno del brano. La citazione a Darth Father è nata perché è sempre stato uno dei punti in comune tra me e mio papà e descrive bene l’accostamento tra punti di vista in comune e in disaccordo. Il video nasce con un’idea molto semplice, descrivere il rapporto padre e figlio come uno scontro, che è quello che poi succede anche nella realtà, dove le opinioni e i punti di vista non sempre coincidono. Trasformare tutto questo in un duello di spade laser è stata una scelta dettata dal titolo del video “Darth Father” che richiama appunto “Darth Vader”, l’antagonista di Star Wars. L’atmosfera cupa e scura è stata scelta proprio per creare questo clima di tensione che poi scema alla fine del video, dove le divergenze vengono “sconfitte”.

“Darth Father” è stato scritto da Riccardo Romano che ne ha anche composto le musiche con Lorenzo Avanzi. Produzione, mix e master di Lorenzo Avanzi. Studio di registrazione AVZ Studios. Hanno suonato: Riccardo Romano, Lorenzo Avanzi. Il video è stato ideato da Riccardo Romano e realizzato da Lorenzo Avanzi.

Riccardo Romano, classe 1996, è un cantautore milanese. Immerso nella musica sin da bambino, fonda la sua prima band nel 2015 i Syntesthesia, con cui pubblica nello stesso anno “Bianco”, EP nel quale è presente “Ti Disegnerei”, brano utilizzato da Angelo Pintus alla fine degli spettacoli del Tour “Ormai sono una Milf”. Nel 2019 comincia il suo progetto da solista pubblicando due brani “Cicche al mentolo” e “Socialvitamanager”. Nel 2020 pubblica “Circuiti” il suo primo EP da solista.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.