ROBOT – Walden III

robot

Dietro la misteriosa sigla si nasconde l’opera di un one man band alle prese con una registrazione lo-fi, tra chitarre distorte e ossessive batterie elettroniche (oltre a un basso pulsante e occasionali tocchi di tastiere). Il mondo di provenienza sonora è quello di Dinosaur Jr, Husker Du ma, con l’uso della lingua italiana, anche Verdena, a cui si avvicina anche il timbro vocale. Suoni crudi, atmosfere dure e plumbee ma lavoro ottimo e interessante.

Da ascoltare qui: https://resurrectionrecords.bandcamp.com/album/walden-iii

 

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.