STEFANO MELI – No Human Dream

A due anni di distanza dall’esordio “Ghostrain”, il musicista ragusano bissa con un lavoro strumentale, chitarristico, evocativo e avvolgente. Alla base un substrato country blues (che riporta a Ry Cooder o a esperienze folk roots come John Fahey o Bert Jansch) su cui si sviluppa il talento stilistico e tecnico di Meli. Album molto particolare, personale e interessante.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.