TARSIA – Dove siamo stati bene

Dove siamo stati bene” (Maqueta Records/Artist First), il nuovo singolo di Tarsia.

 

Lavorare a questo videoclip è stato bello – dichiara l’artista – La sinergia che ho trovato con Giuseppe Marco Albano, regista lucano pluripremiato, i talentuosi ballerini lucani che hanno regalato al video la loro arte e il resto del cast tecnico e artistico ci ha permesso di rappresentare al meglio gli aspetti poetici ed emotivi della canzone. Abbiamo deciso di ambientare questa storia nella nostra amata terra e grazie al mio produttore Fernando Alba e alla Maqueta Records siamo riusciti a ritrarre alcune tra le splendide location di questa terra, come i calanchi, casse armoniche e il mare della costa ionica”.

 

“Dove siamo stati bene” racconta la nostalgia della partenza, accompagnata dalla consapevolezza di poter tornare, attraverso il potere evocativo dei ricordi, nei luoghi in cui si è stati bene. In un momento in cui la vita delle persone sembra scorrere frettolosamente, scandita dall’individualismo e dalla frenesia, il brano ci invita a riflettere sulle esperienze belle e positive che abbiamo vissuto: non bisogna metterle da parte ma conservarle per riviverle tutte le volte sia mentalmente che fisicamente.

Lavorare con Tarsia è sempre un piacere – aggiunge il regista – siamo entrambi Lucani e la Basilicata, oggi, è una regione che si sta facendo conoscere in tutto il Mondo grazie a Matera. Oltre alle bellezze paesaggistiche, abbiamo anche grandi artisti e talenti: Tarsia è tra questi. Il videoclip è ambientato tra i Calanchi e la Marina di Pisticci, in provincia di Matera, e i due ballerini protagonisti sono anche loro dei professionisti Lucani. Tra montagne argillose e cassarmoniche antiche di vecchie feste patronali, volevamo dare un forte senso estetico e narrativo al videoclip. Una grande storia d’amore che nasce dalle viscere della terra bruciata dal sole e va a morire nel mare in cui ogni cosa rivive per sempre”.

 

www.facebook.com/tarsiaofficial

www.instagram.com/tarsiatat

 

 

Tatiana Tarsia, cantautrice, in arte Tarsia , nasce a Policoro (MT), in Basilicata. Sin da piccola inizia a scrivere canzoni e studiare canto e pianoforte nel suo amato paese, circondata dal sostegno e dal calore della sua famiglia. La sua forte passione per la musica è ereditata dal padre. Le sue influenze musicali e sonore prendono ispirazione da Pino Daniele, Amy Winehouse, fino ad arrivare alla musica popolare della sua terra natìa.

 

Il debutto discografico di Tarsia è nel 2017 con il brano “Bolle di sapone“, accompagnato da un videoclip girato in Basilicata. Si susseguono una serie di eventi e festival che la vedono protagonista, come la vittoria del Contest “Non è mica da questi particolari che si giudica un cantautore” edizione 2020, il “Premio Incanto” nel 2018, ma anche un’importante attività concertistica in diversi club italiani tra cui: il Bravo Cafè e la Cantina Bentivoglio di Bologna, l’Asino che Vola e l’Alcazar live di Roma, Ottavo Talento di Bari e tanti altri.

Il suo progetto musicale è un crossover musicale tra diversi generi, caratterizzato da sonorità funk, soul, pop e jazz.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.