THE SADE – Grave

thesade_cover-700x700

Terzo album e notevole maturità acquisita. Soprattutto molto interessante il connubio tra sonorità hard metal, un’anima palesemente blues e un mood diffusamente goth che riporta a Danzig e Misfits ma che non disdegna folate street metal e incursioni, in un brano come “Coachman”, in quello che potrebbe essere una versione moderna di Johnny Cash. Suonato con competenza, ottime songs, arrangiamenti riusciti, album promosso a pieni voti.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.