MASSIMO ZAMBONI – Nessuna voce dentro – Un’estate a Berlino Ovest

Massimo Zamboni è stato il chitarrista di CCCP e CSI, poi solista e collaboratore di una lunga serie di progetti, da Nada ad Angela Baraldi.
E’ anche valente scrittore di colonne sonore e libri.
Il nuovo lavoro è la riscrittura e l’ampliamento di Il mio primo dopoguerra del 2005.
Vi si racconta di un’estate del 1981 in cui Massimo partì in autostop per Berlino, visse nelle case occupate, mantenendosi facendo il cameriere da un pizzaiolo italiano felliniano (le parti dedicate sono davvero esilaranti: mi sono immischiato in una compagnia di persone ai miei antipodi, quanto a sogni e pratiche quotidiane. Ma ammiro sinceramente quel loro non «pensarsi», ma semplicemente «essere». Storia geografia scienze, cultura generale: nessuna traccia. Ci sono giorni in cui la loro libertà mi appare infinita.).
Intorno Berlino che brucia e si consuma, quella del TUWAT (fai qualcosa).
E IL MURO.
DER MAUER (in tedesco è femminile).
Per chi è passato da quelle parti in quegli anni IL MURO, depauperato dei suoi connotati geo politici, è rimasto “dentro” e se ne conserva una sorta di nostalgia.
Un mondo da non rimpiangere ma che in qualche modo si è ricavato una nicchia nella nostra anima.
Sarà in una discoteca di Berlino che Massimo incontra Giovanni:

Il suo ingresso nella mia memoria lo ricordo ancora, millimetricamente.
Due mani destre si incrociano.
– Giovanni.
– Massimo.
Un riconoscimento che non ho saputo spiegare mai.
Un sistema a incastro.
Immediato; non mediato; non meditato.
Gli occhi che cercavo, per guardare oltre il Muro.
La voce per dirlo.
La mia voce.

Il libro è molto bello.
Molto forte, molto intenso.
E’ un libro MOLTO.

Abbiamo cicatrici fonde, anche feroci, croste cumulate sulla strada. Molti di noi già non ci sono piú, o non ci saranno a breve, caduti ammazzati da qualcuno o qualcosa, feriti, acciaccati, storditi, storpiati, finiti.
Molti sono in viaggio su strade impossibili che i migliori poeti poi con calma canteranno. Un eccesso di generosità verso il mondo, mai se ne conoscerà di eguale, e altrettanto autolesionista.

Il booktrailer
https://www.youtube.com/watch?v=xiFwv-Kn0tg

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.