AKA STEVE – Fiori tra ortiche

“Fiori Tra Ortiche” (Kimura), il nuovo singolo di Aka Steve.

“Fiori Tra Ortiche” è un brano Rap che presenta un ritornello melodico scritto e arrangiato su una base Hip Hop; l’artista ha scritto questa canzone per trovare uno sfogo che lo aiutasse ad accettare le proprie perplessità e frustrazioni.

Spiega l’artista a proposito del brano: “Fiore Tra Ortiche è una canzone contenente varie riflessioni e pensieri atti a incoraggiare la gente a non farsi abbattere dalle difficoltà che ci circondano, o dalle persone che hanno un indole negativa, ma piuttosto affrontarle con impegno e determinazione”.

Il loop video di “Fiori Tra Ortiche” prende le distanze dall’ambiente chiuso di “Notti Insonni” e dalla città grigia di “Vero” e lo ritrae immerso nella natura, nel verde vibrante e tra i fiori del titolo. La forza della natura, che trova sempre modo di resistere alle avversità esterne, esprime il messaggio della canzone pur nella sua espressione più calma e controllata, trasmettendo la serenità ricercata dall’artista: “Se mi chiedi poi chi mi sta a sentire, la stessa gente che vede in me fiori fra ortiche. Nel nostro piccolo giardino come formiche, fiero di chi sono, almeno lasciamelo dire”.

Biografia

Steve Giustiniani, nato a Bologna il 5 Giugno 2000, cresce in un paesino di campagna. Fin da ragazzino si appassiona al mondo della musica dove trova una vocazione e un rifugio dai momenti difficili, in particolare nel genere Rap Old School. Inizia praticando il freestyle in compagnia di amici a 14/15 anni, poi il suo interesse si trasforma in passione ed inizia quindi a scrivere brani

suoi, accantonando l’improvvisazione e Freestyle. Comincia a registrare i suoi brani in studio per prendere confidenza con il microfono e con tutto ciò che riguarda la registrazione; ha partecipato inoltre al Tour Music Fest edizione 2021 nella categoria Rapper. Al momento sta lavorando per produrre il suo primo album.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *