CARLA MAGNONI – Digli che è finita

Mercoledì 25 novembre, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, la cantautrice lancia il suo appello in musica
Digli che è finita: Carla Magnoni e le donne che non hanno voce
«La violenza sulle donne parte da dettagli, spesso si nasconde in piccoli gesti, in atteggiamenti quotidiani dall’apparenza innocua, in un apprezzamento fuori luogo, dietro ad un sorriso giudicante o in un commento inopportuno fino ad arrivare alla sopraffazione, a gesti di pura follia. È dai dettagli che deve iniziare il cambiamento, sono infatti le piccole cose a costruire e rendere possibili le grandi trasformazioni. E noi donne per prime non dobbiamo mai dimenticare di mantenere un profondo rispetto per noi stesse per non cadere nel tranello di confondere ciò che è giusto con ciò che è sbagliato».
Sono le parole con cui Carla Magnoni presenta Digli che è finita, una delle canzoni più importanti del suo nuovo album Cento passi avanti, che acquista un nuovo significato in occasione del 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. È la storia di Anna, una donna, come sottolinea Carla Magnoni, «fiduciosa, che ha solo sottovalutato i piccoli segnali ed è stata travolta da eventi sempre più gravi»; una donna che  «non ha voce, subisce la sua vita senza avere il coraggio di cambiarla perché ci hanno insegnato che per una donna è giusto abituarsi a tutto, anche alle cose profondamente sbagliate».
Digli che è finita esce proprio in occasione di questa importante ricorrenza che fu istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 17 dicembre 1999, per ricordare l’assassinio nel 25 novembre 1960 delle sorelle Patria, Minerva e María Teresa Mirabal, impegnate contro il feroce regime del dittatore dominicano Rafael Leónidas Trujillo. Il brano racconta una storia che «vuole dare il diritto e la forza alle donne di dire “è finita” senza la paura di poter subire terribili conseguenze,  perché non manchi mai la possibilità di una nuova vita».
Digli che è finita è uno dei pezzi di Cento passi avanti, il sentito e appassionato lavoro d’esordio di Carla Magnoni, con il quale esplora il mondo dei sentimenti nella contemporaneità, le relazioni, l’amicizia e l’amore. Le nove canzoni attraversano spazi privati e pubblici, racchiudono il mondo espressivo della musicista toscana, il suo universo di valori, con il filo conduttore dell’amore «visto nelle sue varie forme, dall’amore di coppia all’amore e il rispetto per se stessi, all’amore malato, all’empatia, l’amore che nasce con la sua folle incoscienza e quello che matura negli anni, l’amore che non sa vivere e quello che invece resiste per sempre. L’importante, nell’amore come nella vita, è non rimanere fermi, è fare sempre “cento passi avanti”». Cantautrice, pianista, autrice, arrangiatore, Carla scrive per sè e per gli altri. Il disco d’esordio si avvale della produzione artistica di Valter Sacripanti e della partecipazione di musicisti prestigiosi come Giuseppe Barbera, Giuseppe Tortora, Mario Gentili, Riccardo Ciaramellari, David Pieralisi.
Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.