CARMELO SIRACUSA – E’ come senti, non come pensi

Da venerdì 4 ottobre sarà disponibile su YouTube “È come senti, non come pensi” (Beat Sound Milano), il video del nuovo singolo del bassista siciliano Carmelo Siracusa. Il brano, già disponibile in digital download, in streaming e in rotazione radiofonica, è ispirato ad un celebre concerto di musica classica del ‘700 per contrabbasso di Carl Ditters von Dittersdorf e miscela melodie inedite a quelle scritte dal compositore austriaco. Con un ritmo incalzante, Carmelo Siracusa rappresenta il concetto di tempo, che nel video prende vita attraverso la danza di quattro ballerini.

 Le anime che si cercano attraverso il tempo

e si ricongiungono rappresentano la vita, l’universo

 Queste le parole d’apertura della composizione, attraverso le quali spiegare la presente e difficile condizione degli esseri umani, sempre più chiusi in loro stessi e che, più che agire, reagiscono secondo schemi prestabiliti dalla mente.

«Le persone non parlano più tra loro – spiega Carmelo Siracusa – Non sanno più sedersi per raccontare e ascoltare gli altri, ma continuano a vivere con le paure del passato e l’ansia del futuro e chi affronta molte volte un cammino spirituale meditativo risolve solo parte dei problemi. Non siamo alberi isolati in mezzo ad una pianura, siamo Esseri viventi che vivono in mezzo ad altri Esseri viventi. Il video di “E’ come senti, non come pensi” è stato girato nella mia città, Catania, non solo per un legame profondo che ho con la mia terra, ma soprattutto per il suo valore storico e la bellezza naturale che Catania rappresenta. Nel video sono descritti i quattro elementi fondamentali naturali (Terra, Acqua, Aria e Fuoco) rappresentati da quattro ballerini interpreti di stili di danza differenti (Tribale, Moderno, Classico e Flamenco). La danza, a mio avviso, è l’espressione massima che l’anima, attraverso il corpo, ha per esprimere il TEMPO. Dalle tradizioni antiche, Tantrica, Sciamanica o Maya, la cosa più poetica che ho imparto è: tu sei polvere di Stelle e ogni atomo nel tuo corpo viene da una stella che è esplosa. Le anime, soprattutto quelle gemelle, si cercano attraverso lo spazio e il tempo.»

 Carmelo Siracusa, che sin da giovanissimo nutre passione per la musica classica e per la letteratura, da Seneca a Brizzi, passando per Tolkien, sceglie volutamente una composizione classica per lo sviluppo di questo nuovo singolo in quanto molto “più rock” e vicino a sonorità moderne.

 «La scelta di un brano classico – continua il musicista – è dettata dal fatto che il contrabbasso è uno strumento ad arco e gli archi sono tra gli strumenti più antichi, hanno bisogno di una grande disciplina per essere suonati e di un autentico servizio all’arte per esprimere concetti dinamici e melodici. La musica non è solo una forma artistica, non è solo una combinazione di ritmo e melodia che trasmette emozioni ai nostri sensi.  Essa può rendere più addormentati o più svegli, può avvicinarci a Dio o infognarci nei bisogni più bassi. E così utilizzo la musica per la prima volta per esprimere determinati concetti.»

 “È come senti, non come pensi” è stata composta da Carl Ditters von Dittersdorf e  Carmelo Siracusa  il quale ne ha curato anche la produzione e ne ha scritto il testo insieme ad Arianna D’Urso. Arrangiamenti di Carmelo Siracusa e Giuseppe Nasello, registrazione e mixaggio di Carlo Longo presso NuevArte Studio. Hanno suonato: Arianna D’Urso – Voce; Carmelo Siracusa – Basso e Contrabbasso; Giuseppe Nasello – Chitarre ed Elettronica; Salvo Dub – Programmazioni. Il video è opera del regista Rocco Pappalardo.

 

 

BIO

 

«Tutto parte dal basso… si dice sempre così, no? Ho deciso per gioco di suonare il basso elettrico, mi divertivo fin da piccolissimo a sentire le frequenze basse delle grandi rock band fino a quando per la prima volta in vita mia vidi Chris Squire e Steve Harris. Non ho saputo resistere al comprarne subito uno….una copia economicissima di un precision, avevo appena 12 anni. Dopo circa due anni dei classici casini da garage con gli amici iniziai a studiare.»
Carmelo Siracusa studia basso elettrico con Massimo Moriconi e successivamente completa il suo percorso didattico presso la Percento Musica di Roma. Segue numerose clinics e master class con musicisti del calibro di Alain Caron, Marcus Miller, John Patitucci, Marco Siniscalco, Dario Deidda, Danilo Rea, F. Rocco Prestiaetc. Si perfeziona con i Corsi per Arrangiamento di musica Moderna tenuti da Stefano Fresi. Studia il contrabbasso e consegue presso il conservatorio Corelli il diploma accademico di primo e secondo livello. A seguire laurea in composizione per didattica, master di II livello in musica elettronica, master di II livello in psicologia e sociologia dell’arte. Ha collaborato in numerose orchestre e produzioni televisive dal 1999 al 2012. Ha suonato in numerosi Shows televisivi fra i quali Festival di Sanremo edizione del 2006, Festivalbar edizioni del 2005 e 2006, Mtv Live, Cargo, Top of the Pops, Cd Live, Amici, Buona Domenica, Maurizio Costanzo Show. Ha suonato in numerosi tour e festival (Tim Tour, Coca Cola Tour, Cornetto free Music Festival) e ha avuto il piacere di collaborare con artisti del calibro di Ligabue, G. Grignani, Gemelli Diversi, MaxGazzè, E. Bennato, Nicola Piovani e molti altri. Dal 2004 è il bassista della band siciliana Sugarfree con i quali ha ottenuto nel corso di questi anni 3 dischi d’oro e 1 di platino. Nel 2006 viene considerato migliore bassista pop/rock italiano dalla rivista Rolling Stone. Nel 2011 riceve il premio Mia Martini come autore e compositore. Dal 2001 a oggi svolge un’intensa attività didattica presso numerose scuole del circuito Nazionale ed è responsabile didattico della classe di Basso e Contrabbasso. Nel 2013 pubblica il metodo didattico Rock on Bass. Nel 2015/2016 suona in tour con il gruppo Il Volo. Sempre nel 2016 insieme a Mike Stern. Nel 2016 riceve il Premio Lunezia con la band Sugarfree. Attualmente è in impegnato nella produzione e realizzazione di un suo progetto musicale Camera a Sud. Il 13 settembre 2019 pubblica il singolo E come senti, non come pensi”.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.