DITONELLAPIAGA – Repito

“C’è un posto di blocco sto sbirro si è accorto
Che tutto sto rosso non è il mio rossetto señor”

Ditonellapiaga – Repito

È reggaeton ma scordatevi il machismo delle gang latine e le movenze convulse del twerking. Qui l’unico maschio è un cadavere e l’unica danza è quella di una “casalinga” che ripulisce le tracce del delitto, con tanto di mocio e sgrassatore.

È online il video di Repito, il brano che apre Morsi, il disco di Ditonellapiaga appena uscito per Dischi belli/BMG Italy.

Imprevedibile e spiazzante come sempre, Margherita Carducci – vero nome della più teatrale e cinematografica fra le artiste della nuova scena musicale femminile – si traveste stavolta da sensuale e psicotica femme fatale per ribaltare l’immaginario sessista dei ghetti americani (che caratterizza molte produzioni reggaeton) e consumare indisturbata il suo “maschicidio” in una villa di campagna dalle atmosfere weird, una provincia da cronaca nera che si tinge di rosso sangue come in un film di Dario Argento.

Il montaggio frenetico e ripetitivo segue il beat accelerato e violento del brano prodotto dai bbprod, mentre le inquadrature in dettaglio, gli zoom improvvisi e veloci, la scena tutta rimandano all’estetica del cinema italiano di genere degli anni ‘70 e ’80. Diretto da Alessio Hong e Michele Formica, con il cameo dell’attrice Beatrice Grannò (protagonista dell’acclamata serie Netflix Zero), il video di Repito è un cortometraggio pulp intriso di humor nero e di quella radicale e irresistibile ironia che contraddistingue Ditonellpaiaga.

Credits video

Regia: Alessio Hong & Michele Formica

Con Beatrice Grannò

Executive Producer: Jacopo Pica x ILLMATIC FILM GROUP
Producer: Jacopo Rosso Ciufoli
DOP: Lorenzo Mancini
1AC: Giovanni Cosmo
Gaffer: Francesco Pratesi, Mattia Tarantino
AD: Anna Coccoli
Script assistant: Francesco Artusi
Costumi: Saveriana Bubani
Scenografia: Elena Zuccardi Merli, Nastasia Lazzi, Erica De Miceli
MUA: Leila Cirone
Runner/ Assistente di produzione: Annalia Silecchia
Runner/ Assistente di produzione: Lorenzo Grossi
Fotografa di scena: Francesca Mina

BIO

Margherita Carducci, in arte Ditonellapiaga, classe 1997, romana.

Ditonellapiaga è un’artista dalla personalità fluida con l’urgenza di raccontare le mille sfaccettature della propria identità, spesso solare e piena di entusiasmo, a volte nevrotica, a tratti malinconica. Ironica e istrionica, Margherita non smette mai di interrogarsi su cosa significhi essere una ragazza nel secondo decennio del XXI secolo. Nuova icona urban, Ditonellapiaga, incarna le infinite articolazioni del complesso animo femminile, senza ridurre la femminilità a un’immagine univoca.

Da piccola, le pop star americane. Da adulta, protagonista indiscussa del circuito dei club romani dediti alle jam session, dove scopre soul, nu soul e jazz. Grazie all’incontro con il duo di producer romani bbrod, nel 2019, mette a fuoco il suo straordinario eclettismo e la sua incredibile versatilità, sia come autrice che come cantante, e oggi spazia con naturalezza da sonorità elettroniche più crude e acide a quelle più morbide e armoniche di un pop dal respiro internazionale.

Nel settembre 2019 pubblica il suo primo singolo Parli.

Ottobre 2020 segna l’esordio con Dischi Belli/BMG Italy con Per un’ora d’amore, cover dell’iconico brano dei Matia Bazar suonata sotto le luci strobo di un club. A dicembre è uscito il suo primo singolo di questo nuovo corso, Morphina, che affronta il tema del piacere in modo esplicito ma con stile, eleganza e soprattutto ritmo travolgente. A febbraio è uscito Spreco di Potenziale un brano intimo, dal refrain difficile da dimenticare che canta la fine di un amore incompiuto e avvicina Ditonellapiaga ai territori dell’indie pop. Le sue sonorità urban, inoltre, accompagnano le scene relative alla realizzazione delle due opere dello street artist di fama internazionale Tvboy in Note di viaggio. Il film, il documentario che racconta le canzoni di Francesco Guccini.

Il 23 aprile è uscito Morsi, il suo primo EP. Per il debutto sul formato lungo bisognerà aspettare l’autunno 2021.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *