GIMMO – Rumblin’ and Tumblin’

Esce per Tanzan Music “Rollin’ and Tumblin”, cover del grande classico blues reso celebre da Muddy Waters. Il progetto, concepito durante il lockdown, è un inno alla ritrovata libertà ed è stato registrato lungo le rive del fiume Trebbia, in provincia di Piacenza. Questo primo brano del progetto “My rivers, my blues” è accompagnato da un video girato durante le sue registrazioni, tra la natura incontaminata della Valtrebbia e le bellezze artistiche medievali di Bobbio (PC), “Borgo più bello d’Italia 2019”.

Gimmo, all’anagrafe Gian Marco Mento, classe 1987, oltre a essere un turnista e docente di chitarra è un grande appassionato e studioso di blues: “Durante il lockdown, come tanti miei colleghi, mi sono ritrovato improvvisamente fermo, con tutte le serate annullate. Ho voluto così trasformare quella che era una situazione di stallo e di difficoltà in un’occasione per dedicarmi a un progetto completamente mio.”

Un’idea che dalle mura di casa ha poi preso forma nelle splendide vallate della provincia di Piacenza dove Gimmo è nato e cresciuto: “Dopo mesi chiusi in casa sentivo il bisogno di ritornare in mezzo alla natura e mentre il progetto prendeva forma ripensavo a come gli elementi naturali siano stati ispirazione e metafora per tantissimi bluesman. Così mi sono chiesto: quali sono i miei Mississippi? E da lì è nata l’idea di registrare questi brani sulle rive dei fiumi che caratterizzano la mia storia personale.”

Il primo singolo è stato infatti registrato, appena terminato il lockdown, sulle riva del fiume Trebbia: “Fin dall’inizio avevo in mente di raccontare anche visivamente questo progetto ed è per questo che ogni brano è accompagnato da un video, non tanto nell’accezione moderna di video clip, ma con un taglio quasi documentaristico, senza fronzoli, di quelle ore di registrazione.”

Oltre a condividere l’amore per il blues, il progetto vuole essere anche un tramite per mostrare le bellezze naturali che questa parte d’Italia offre: “Mi piacerebbe molto che questo video e gli altri che usciranno, fossero condivisi non solo dagli appassionati di musica e delle nostre valli ma anche da enti turistici, istituzioni ed associazioni che hanno come scopo la promozione della nostra provincia.”

 

“My rivers my blues” viene pubblicato dall’etichetta Tanzan Music e prevederà una seconda uscita a luglio e un terzo capito a settembre: “Sto pensando a un “gran finale” per coinvolgere ancora di più le tante persone che già in questi giorni mi hanno dimostrato grande affetto e mi hanno spinto a proseguire quest’avventura”.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *