I GIORNI DI GLORIA – Grigio Cenere

Grigio Cenere è il nuovo singolo dei Giorni di Gloria, hard core band dall’animo fortemente californiano nello stile, ma fedele nella scrittura alla madre lingua italica.
Il brano è il primo estratto dal secondo lavoro in studio di prossima uscita. Con questo brano la band affronta il delicato tema della depressione: “Grigio Cenere” è infatti la storia di un uomo che combatte contro questo invisibile e a volte violento nemico. La song tratta un altro argomento molto importante, quello dell’amicizia. In questo caso quella di chi cerca di aiutare un amico che soffre con tutti gli affanni e le fatiche che ne conseguono, prima di tutte quella di recuperare chi si sta perdendo nel baratro della propria sofferenza.
La canzone è stata ispirata principalmente da quei casi, molti dei quali messi in risalto dai media, che riguardano persone comuni e molto spesso personaggi famosi che non riescono a superare il duro ostacolo di questa malattia e che ogni giorno e ogni notte lottano contro di essa.

Grigio Cenere

Grigio Cenere” è un primo assaggio di ciò che accadrà nel nuovo album dei GdG. 

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *