MICHELE GAZICH ft. Rita Lilith Oberti – Storia dell’uomo che vendette la sua ombra

Il videoclip girato da Enrico Fappani accompagna un brano che dal verso iniziale “Figlio, dov’è la tua ombra? / Madre, io l’ho venduta per tre monete” sviluppa “la solita vecchia storia della vendita della propria anima al maligno“. Ma qui il maligno assume le sembianze della madre, attraverso la perturbante voce punk di Rita Lilith Oberti

Storia dell’uomo che vendette la sua ombra” è il primo estratto da “La via del sale”, il nuovo disco di Michele Gazich, scrittore di canzoni e violinista già a fianco di songwriters come Michelle Shocked, Mary Gauthier, Eric Andersen e Mark Olson.

Il brano è abbinato ad un videoclip girato dal regista italiano Enrico Fappani ad accompagnare un brano che dal verso iniziale “Figlio, dov’è la tua ombra? / Madre, io l’ho venduta per tre monete” sviluppa la solita vecchia storia della vendita della propria anima al maligno. Ma qui il maligno assume le sembianze della madre, attraverso la perturbante voce punk di Rita Lilith Oberti (Not Moving, Lilith and the Sinnersaints), che dialoga con quella di Michele Gazich (nel ruolo del figlio) e interpreta anche il videoclip.

I due si incontrano e intessono un dialogo che è in realtà l’intersezione di due monologhi: un parlare che è non parlarsi. Il luogo in cui ciò avviene è una sala da pranzo fuori dal tempo, probabilmente appartenente ad uno storico palazzo, costellata di simboli stranianti: animali impagliati, fucili, un’armatura giapponese. La formalità, il pasto e la tavola accuratamente preparata diventano rito, officiato dall’inquietante maggiordomo e dalla custode del fuoco che appronta, tra libri magici e ingredienti misteriosi, l’alchemico pasto.

Il videoclip girato dal regista Enrico Fappani – spiega Michele Gazichè un non-videoclip. Interamente, claustrofobicamente girato in una stanza, transvaluta il genere: è un apocrifo bergmaniano nel mondo dei videoclip. Artifici squisitamente cinematografici (campi, controcampi, carrello, etc) e insieme assoluta assenza di artificio: tutto il video è stato girato senza l’utilizzo di un faro, con ricercato virtuosismo stilistico; l’unica luce è quella delle finestre. Collaboro con Enrico da molti anni. La sua rilettura cinematografica della mia canzone, mi ha dato un altro sguardo su di essa e mi ha spinto a mettermi avventurosamente in gioco anche come attore.

Storia dell’uomo che vendette la sua ombra” è una delle undici tracce de “La via del sale”, settimo lavoro di Michele Gazich in uscita il prossimo 29 settembre su etichetta fonoBisanzio con distribuzione IRD.

Un disco che tenta, riuscendoci, di edificare un folkrock effettivamente italiano, senza prestiti anglosassoni o americani; risonante di strumenti folk realmente nostri (come il piffero dell’Appennino e la zampogna del Sannio) e di melodie che rievocano la tradizione e la musica colta italiana e del mediterraneo, senza paura di contaminare i generi.

Un tempo – racconta Michele Gazich – il sale era prezioso come l’oro e preziose erano anche le vie attraverso le quali veniva trasportato in tutto il mondo conosciuto: queste vie oggi hanno perso il loro senso originario e i luoghi che esse percorrevano sono abbandonati, quasi dimenticati. Un giorno anche gli oleodotti saranno dimenticati.

Sopravvivono ancora, tuttavia, musicisti e strumenti tradizionali legati ai tempi che furono, quando la via era importante. Ho strappato questi strumenti alle loro terre e ho contestualizzato il loro rimpianto, il loro grido e il loro lamento in musiche e parole che ho composto oggi – qui ed ora – per raccontare l’Europa di oggi, fatta di resti industriali, maestose rovine del terziario, biblioteche sommerse dalle acque, città distrutte, migrazioni e barricate: le nostre contemporanee Vie del sale.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.