MIMOSA – Fame d’aria

Il videoclip racconta di un incontro magico, in una casa magica, dove gli oggetti si animano. La magia per Mimosa non è mai stata cosi reale. Arrivata nella casa dove si sono svolte le riprese ha scoperto, casualmente, che il proprietario conosceva il padre, in quanto ammiratore dei suoi libri. Il video, conoscendo questo retroscena, fa un certo effetto:

Fame D’Aria è un brano dedicato al padre, che Mimosa descrive cosi:

“Canzone per un padre. Per chi avremmo voluto conoscere e non abbiamo potuto, chi abbiamo salutato, chi riconosciamo nelle tracce piuttosto che nella presenza. Fotografie, racconti di qualcun altro, la musica dei vinili anni ’70, le attese di una vita che si manifestano con una fame incontenibile di conoscere chi hai aspettato per così tanto tempo, mentre l’incontro reale ha la durata di un saluto affannato ed è già tutto finito. E la fine è un valzer, un’eco di Debussy, cantato all’infinito.”

Un video per Gas Vintage Records
Produzione esecutiva: Full Of Beans
Ideazione, regia e post produzione: Edoardo Palma
Aiuto regia: Emanuele Gaetano Forte
Operatore luci: Stefano Mancini
Effetti 3D: Luca Di Cecca
Styling: Gabriele Corbyons
Make up: Fulvia Tellone
Riprese realizzate presso Villa San Remigio di Massimo Patroni Griffi
Un ringraziamento speciale ad Anna Maria Spaziani Testa e Elio D’Alessandro

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.