Ottobre 2020. Riassunto recensioni e video

 

 

AB QUARTET – I bemolli sono blu   https://www.radiocoop.it/ab-quartet-bemolli-blu/

Interessante progetto, il secondo album degli AB Quartet, attivi dal 2009 intorno al leader e pianista Antonio Bonazzo. Ovvero la rivisitazione in chiave standard jazz di temi di Debussy che a tratti assumono anche fattezze funk e free jazz. Suonato con grande classe e gusto, un lavoro oltremodo accattivante e originale.

A LEMON – Green (B sides)   https://www.radiocoop.it/lemon-green-b-sides/

L’esordio con “Green” ha evidenziato tutte le qualità compositive e le suggestioni che è in grado di creare il compositore siciliano. Questo breve ep di brani restati fuori dall’album ne confermano lo spessore e le capacità evocative. Pop psichedelico dalle tinte elettroniche, molto vicino ai Tame Impala e alla perfezione.

ARTI E MESTIERI ESSENTIA – Live in Japan  https://www.radiocoop.it/arti-mestieri-essentia-live-japan/

Tra le migliori espressioni del jazz rock italiano degli anni 70, autori di capolavori come “Tilt” e “Giro di valzer”, risplendono ancora con un grande concerto dal vivo registrato nel maggio 2019 a Tokyo. I due componenti Furio Chirico e Gigi Venegoni, insieme a Piero Mortara, Lautaro Acosta e Roberto Puggioni, continuano a fare faville. Un album spettacolare, di altissima qualità sonora e immenso spessore artistico.

BARRIERA – Abbandonarsi    https://www.radiocoop.it/barriera-abbandonarsi/

Ep di quattro brani all’insegna di un pop elettronico, malinconico e crepuscolare, che affianca una buona canzone d’autore. Basi minimali, melodie scarne, arrangiamenti essenziali. In attesa di una prova sulla lunga distanza.

ALBERTO BAZZOLI e GIANNI D’AMATO – Superpop  https://www.radiocoop.it/alberto-bazzoli-gianni-damato-superpop/

Un ep che definire “bizzarro” è riduttivo. Sicuramente molto curioso intrigante nel suo spaziare tra discomusic, kitsch anni 70, pop zuccheroso, musica da camera e una follia talentuosa che potrà dare grandi e inaspettati risultati in futuro.

STEFANO BELLUZZI – Ridi   https://www.radiocoop.it/stefano-belluzzi-ridi/

A cavallo tra jazz e canzone d’autore, una lunga carriera alle spalle, arriva il nuov ep del cantatuore emiliano. Sei brani che guardano a Paolo Conte, Fred Buscaglione, Roberto Vecchioni tra atmosfere ironiche e divertenti, sorretti da una spina dorsale compositiva di primo livello. Ottimi arrangiamenti per un lavoro più che godibile.

ALESSANDRO BERTOZZI – Trait d’union  https://www.radiocoop.it/alessandro-bertozzi-trait-dunion/

Il saxofonista e compositore emiliano dedica un album al suo amore per l’Africa. Pretesto per ribadire anche la necessità di superare il pessimo clima di discriminazione razziale che caratterizza il nostro tempo. “Le sensazioni musicali non discriminano né colore né razza” dice Bertozzi. E di sensazioni musicali ne troviamo tantissime in questo nuovo lavoro, riuscitissimo, stimolante, affascinante, tra funk, fusion, sound di ispirazione africana, testi in wolof e un groove irresistibile, grazie a un’esecuzione, come sempre, impeccabile. Eccellente.

THE BLUEBEATERS – Shock  https://www.radiocoop.it/the-bluebeaters-shock/

Tornano con una significativa novità i grandi Bluebeaters, maestri dello ska e rocksteady italiano. Dodici nuovi brani inediti e totalmente autografi, dopo una lunga carriera all’insegna delle cover. Che funzionano alla perfezione con anche il prezioso aiuto di una serie di nuovi nomi della scena musicale italiana come Bianco, COEZ, Zibba, a Carota de Lo Stato Sociale, Willie Peyote, CIMINI. Album solare, festoso, accattivante, suonato perfettamente e con splendidi arrangiamenti, moderni e freschi.

GABRIELE BOMBARDINI – Short stories  https://www.radiocoop.it/gabriele-bombardini-short-stories/

Quarto album solista per il musicista ravennate, dalla lunga carriera chitarristica e artistica. 19 delicate pennellate strumentali di sapore ambient, sonorizzazioni sospese, suggestive e ariose, eseguite principalmente con la pedal steel.

SOFIA BRUNETTA – Evolver   https://www.radiocoop.it/sofia-brunetta-evolver/

Sorprendente per qualità, modernità e spessore internazionale questo album di un’artista dalla carriera già da tempo avviata in altre incarnazioni sonore. Nu soul, elettronica, Rnb, cenni hip hop, funk pop, proposti con un’eleganza, uno stile e una raffinatezza rari. Eccellente.

STEFANO BRUNO – Per le strade del cielo   https://www.radiocoop.it/stefano-bruno-le-strade-del-cielo/

L’esordio del cantautore milanese ci porta in un sapiente mix di rock, pop e canzone d’autore, in cui convergono echi di Lucio Battisti e una ruvidezza alla Springsteen ma anche De Gregori e altri nomi classici della musica nostrana. Un disco ben fatto e che lascia intravedere buone prospettive future.

FILIPPO CANNINO – Scelte  https://www.radiocoop.it/filippo-cannino-scelte/

Un lavoro raffinato, elegante, di grande solidità artistica e creativa, peraltro suonato benissimo. Arrangiamenti efficaci tra canzone d’autore, pop rock ,jazz soul che rendono l’ep del cantautore siciliano (dalla voce molto convincente) particolarmente interessante, anche liricamente. Da ascoltare.

 

CHARLIE & THE CATS – Greatest tits  https://www.radiocoop.it/charlie-and-the-cats-greatest-tits-deluxe/

La band bresciana rimasterizza l’album che le diede successo nel 1993, aggiungendo due ottimi inediti. Il loro rock tinto di folk, influenze anni 60 e tanto altro, a cui si aggiunge un’ampia dose di caustica ironia, è ancora efficace e divertente. Da riscoprire.

CLAUDIO CIRILLO Puzzle  https://www.radiocoop.it/claudio-cirillo-puzzle/

Un ottimo esordio all’insegna di un sound cantautorale fresco, moderno, scanzonato, ironico e dai ritornelli contagiosi. Ricorda a tratti la scrittura di Alex Britti. Disco molto piacevole e divertente.

FABRIZIO CONSOLI – Con Certo Jazz  https://www.radiocoop.it/fabrizio-consoli-certo-jazz-live-from-the-heart-of-europe/

Una  lunga carriera, densa di attività, album, un Festival di SanRemo e un’infinita esperienza a fianco (tra gli altri) di Eugenio Finardi, Mauro Pagani, Alice, Cristiano De Andrè, PFM, sia come chitarrista che come autore. Il nuovo album raccoglie brani registrati live tra Torino e Zurigo in cui si sublima il perfetto connubio di un sound che abbraccia canzone d’autore, jazz, ritmi latini, in una sorta di commistione tra Paolo Conte, Sergio Caputo e Francesco Baccini. Album piacevole, suonato con grande tecnica e gusto. Consigliato.

DOME LA MUERTE AND THE DIGGERS – The house of Lily   https://www.radiocoop.it/dome-la-muerte-and-the-diggers-the-house-of-lily-shake-some-action/

Dome La Muerte è uno dei personaggi più rappresentativi dell’alternative rock italiano, sulla scena dalla fine degli anni 70, passando dall’hardcore dei CCM al punk ‘n’ roll dei Not Moving a a un numero imprecisato di altre esperienze musicali. Con i Diggers esce con un nuovo singolo di consueta efficacia. Puro rock ‘n’ roll, ruvido, chitarristico, sincero, onesto. Un pregevole inedito e una cover dei Flamin’ Groovies, suggellano un bellissimo lavoro.

ELETTRA – 14 minuti dentro la mia testa  https://www.radiocoop.it/elettra-14-minuti-dentro-la-mia-testa/

Un ottimo ep d’esordio per la cantautrice calabrese. Pop, canzone d’autore ed elettronica (con un pizzico di rock blues in sottofondo) vanno a braccetto in un sound frizzante, solare e pulsante. Arrangiamenti curati e azzeccati e brani con un grande potenziale commerciale.

PATRIZIO FARISELLI AREA OPEN PROJECT – Live in Tokyo  https://www.radiocoop.it/patrizio-fariselli-area-open-project-live-tokyo/

Favoloso concerto registrato nel maggio 2019 a Tokyo dall’ex tastierista degli Area, Patrizio Fariselli, accompagnato  da Claudia Tellini, Marco Micheli e Walter Paoli. Spazio a composizioni dal nuovo “100 ghosts” ma soprattutto al repertorio degli Area. Un ambito difficile e pericoloso da affrontare, al confronto di tale eredità artistica. Ma capolavori come “Luglio, Agosto, Settembre (Nero)”, “Gioia e Rivoluzione”, “L’Elefante Bianco” o le meno conosciute ma altrettanto efficaci “Il bandito del deserto” o “Gerontocrazia” ne escono alla perfezione, con un nuovo approccio, arrangiamenti modernizzati e attuali. Grande finale con gli Arti e Mestieri in “The wind cries Mary” di Hendrix. Eccellente.

FLAVIO FERRI – Testimone di passaggio  https://www.radiocoop.it/flavio-ferri-testimone-passaggio/

Un album solenne che arriva dall’ex fondatore dei Delta V, coadiuvato da vari ospiti, tra cui Gianni Maroccolo, Luca Ragagnin, Carlo Bertotti. Sound ruvido e tanta personalità tra elementi industrial/elettronici alla Nine Inch Nails, un pizzico di Afterhours, Teatro degli Orrori, il blues più malato. Un lavoro che sfiora l’eccellenza, duro e crudo.

GASTON – Cartoline   https://www.radiocoop.it/gaston-cartoline/

Il rapper leccese ha alle spalle un’attività vivace, già ricca di numerose pubblicazioni. Il nuovo lavoro lo coglie con un ep dai toni malinconici e autunnali che introita anche numerosi elementi della canzone d’autore. Un passo maturo e personale, ottimamente arrangiato e prodotto.

GIANNUTRI – Al ritorno dalla campagna  https://www.radiocoop.it/giannutri/

Il duo trevigiano firma un secondo album, sempre incentrato intorno a un concept. E di nuovo ci delizia con un pop di grande levatura compositiva, di primissima qualità, che guarda alla scrittura di Samuele Bersani con un innesto di melodie di gusto 60’s, un pizzico di rock e una creatività rara da trovare nella canzone d’autore nostrana. Un imperdibile piccolo gioiello.

GIUSIPRE – Canzoni indigeste   https://www.radiocoop.it/giusipre-canzoni-indigeste/

Un buon esordio con un agile ep di cinque brani dall’ efficace potenzialità melodica e un sound molto particolare e distintivo. Sonorità elettriche che occhieggiano al primo punk e alla new wave, per poi spostarsi verso atmosfere più suadenti e pop. Interessante.

GURUBANANA – Ear refill   https://www.radiocoop.it/gurubanana-ear-refill/

I Gurubanana dividono uno split con i Nana Bang, un album a testa e la collaborazione diretta tra Andrea Fusari e Giovanni Ferrario. In “Ear refill” il sound é diretto, crudo, di gusto garage, afflati psichedelici, Velvet Underground, Pavement, Strokes, 60’s e tanto altro. Avvolgente e intrigante.

LA RIZZO – Fogli che raccontano  https://www.radiocoop.it/la-rizzo-fogli-raccontano/

Un album che raccoglie dieci anni di composizioni (in ordine cronologico) della cantautrice siciliana d’adozione. Un sound che flirta con jazz, blues, canzone d’autore, sulla scia dell’esempio che seppero dare, nel migliore dei modi, personaggi come Rossana Casale e Grazia Di Michele. Ottimi brani, arrangiamenti raffinati ed eleganti, un lavoro da ascoltare.

LINEA – Fuori mercato   https://www.radiocoop.it/linea-fuori-mercato/

Tornano gli storici Linea con un nuovo lavoro che riprende tredici brani classici (alcuni mai pubblicati prima) rifatti in nuova versione e un inedito. Confermando la ben conosciuta attitudine combat rock, il gusto per una canzone d’autore dura e diretta, sguardi alla new wave, aspre pause reggae, ballate abrasive. Un ritorno con il botto. Ma non avevamo dubbi.

JAHBULONG – Eclectic poison tones   https://www.radiocoop.it/jahbulong-eclectic-poison-tones/

Secondo album per il trio veronese, con quattro lunghissimi (e lentissimi) brani a base di doom/stoner, acidissimo, cupo. Approccio psichedelico e Sabbathiano e un’anima grunge che emerge saltuariamente. Per gli appassionati un album cult.

JOE PERRINO AND THE MELLOWTONES – Magical dangerous journey / Twilight   https://www.radiocoop.it/joe-perrino-the-mellowtones-magical-dangerous-journey-twilight/

E’ con immenso piacere che salutiamo il ritorno di Joe Perrino & the Mellowtones, storica band degli anni 80. Risuona ancora il cristallino gusto beat che si incrocia con il tiro garage punk e una vena melodica di grande gusto. Un 45 giri imperdibile.

KILL DAFNE – Unecessary   https://www.radiocoop.it/kill-dafne-unnecessary/

Secondo album per la band bresciana. Mezzora di rock dalla forte impronta melodica, voce femminile potente ed espressiva, un sound grintoso che si muove dalla parti degli Skunk Anansie. Ben fatto e suonato, ricco di potenzialità commerciali.

MAD DOGS – We are ready to testify  https://www.radiocoop.it/mad-dogs-we-are-ready-to-testify/

Spettacolare ritorno per la band marchigiana con un fantastico terzo album che mette insieme suggestioni di ogni tipo in arrivo dal panorama del rock ‘n’ roll più grezzo e crudo. Si sente il groove australiano di Radio Birdman, Lime Spiders, New Christs, l’impronta del classico Detroit Sound, il garage punk dei Miracle Workers, il beat ‘n’ roll dei Flamin Groovies e tanto altro. Grande album.

MR.BISON – Seaward  https://www.radiocoop.it/mr-bison-seaward/

Torna la band toscana con il terzo album, un muro di suono e un concept che trae ispirazione dalla leggenda delle Sette Perle del Mar Tirreno. Stoner di ispirazione psichedelica, impennate hard, grande impatto e tanta creatività. Ottimo e consigliatissimo.

NANA BANG! – Life of an ant   https://www.radiocoop.it/nana-bang-life-of-an-ant/

Nello split condiviso con la componente gemella dei Gurubanana, i Nana Bang!  duo composto da Andrea Fusari (voce, chitarre) e Beppe Mondini (timpano rullante tastiere percussioni) con la produzione e l’apporto di Giovanni Ferrario,  vanno di essenzialità, guardando sempre al minimalismo dei Velvet Underground ma inserendo un’anima più attuale con qualche riferimento a Blur e Strokes. Ottimo e suggestivo.

NERO KANE – Tales of faith and lunacy  https://www.radiocoop.it/nero-kane-tales-of-faith-and-lunacy/

Un secondo album che conferma tutte le qualità e l’originalità dell’autore, che sposta la sua visione blues dai polverosi deserti americani a una dimensione mitteleuropea, grazie alla voce di Samantha Stella, che rievoca in modo inquietante il fantasma vocale di Nico e ci immerge spesso nei Velvet Underground più cupi o nelle apocalittiche atmosfere degli album solisti della cantante tedesca. Album molto intenso, a tratti addirittura minaccioso, l’ideale nel mondo sonoro ormai liofilizzato che ci circonda. Finalmente un sound vero.

NORTHWAY – The hovering  https://www.radiocoop.it/northway-the-hovering/

Secondo album per la band bergamasca che ci porta in un flusso sonoro strumentale che passa da momenti catartici a valanghe apocalittiche. Il tutto all’insegna di un post rock rigoroso, ai confini con la pura sperimentazione. Ipnotico, avvolgente ma anche urticante e claustrofobico. Band molto interessante.

MARCO PARENTE – Life    https://www.radiocoop.it/marco-parente-life/

Marco Parente è uno dei migliori (cant)autori in Italia. Stile personalissimo, distinto, malinconico, elegante, ironico. Un timbro vocale unico si unisce alla cadenza dinoccolata delle canzoni che ora occhieggiano al blues, altre volte abbracciano la bossa o in cui senti un po’ delle infinite anime di Lucio Battisti. Ma la peculiarità (rara e preziosa) è che se ascolti, ad esempio, la splendida “Avventura molecolare” ti accorgi che avrebbe potuta scriverla solo Marco. Con Cesare Basile, Iacampo, Manuel Agnelli, nell’olimpo di si sa scrivere canzoni.

PIRO – Eroi del 2020    https://www.radiocoop.it/piro-eroi-del-2020/

Un buon esordio base di un cantautorato che abbraccia pop ed elettronica, assimila elementi di Battiato, Battisti e BluVertigo. Ottima capacità compositiva, arrangiamenti curati ed efficaci, la partenza è di quelle buone.

POST NEBBIA – Canale paesaggi   https://www.radiocoop.it/post-nebbia-canale-paesaggi/

Un bellissimo album, solare, fresco, cool, con quel pop psichedelico tinto di lounge a metà tra Tame Impala e Stereolab in cui si inseriscono pulsanti groove di modern funk. Un concept riuscito e stimolante.Disco delizioso.

REDSWINE – Clodhopper rock ‘n’ roll  https://www.radiocoop.it/redswine-clodhopper-rock-nroll/

Esordio per la band veronese con sei brani di puro southern rock, hard, rock ‘n’ roll che pesca da Led Zeppelin, Wolfmother, Guns n Roses, Deep Purple, Free. Sound efficace, attitudine diretta e grezza, un’ottima partenza.

RUMORI SOSPETTI – s/t    https://www.radiocoop.it/rumori-sospetti-st/

Convincente e maturo esordio per la band fiorentina che ha macinato anni di esperienza prima di entrare in studio. Cosa buona, giusta e opportuna, in tempi in cui molti gruppi e artisti vanno a registrare a pochi mesi dall’inizio attività. I brani sono curati, ben scelta la successione, ottimi gli arrangiamenti e lo spessore compositivo. Il sound rientra nell’alveo del folk rock imparentato alla canzone d’autore (da Ciampi alla Bandabardò). Bravi ed efficaci.

MASSIMO RUSSO – Junglehttps://www.radiocoop.it/massimo-russo-jungle/

Esordio all’insegna di un concept con quattro inediti e una cover. Un sound che guarda a elettronica, drum n bass, jungle, con un riuscito rifacimento di “Shape of you” di Ed Sheeran in chiave funk. Una buona partenza, caratterizzata da personalità e originalità.

JOHN STRADA – Fra rovi & Rosehttps://www.radiocoop.it/john-strada-fra-rovi-rose/

Ottavo album per il cantautore emiliano. Ed è ancora una volta un tributo onesto e sincero alle radici più viscerali del rock più classico, tinto di blues, canzone d’autore, Bruce Springsteen, Tom Petty, rhythm and blues, un pizzico di funk, l’inevitabile influenza emiliana (dai Nomadi a Ligabue). Produzione di primo livello, arrangiamenti curatissimi, canzoni ottime ed efficaci.

TUGO – Giorni   https://www.radiocoop.it/tugo-giorni/

Esordio autoprodotto per la band emiliana. Quattro brani di pop rock, che guarda ad atmosfere brit pop, molto ben eseguito. Suoni scarni e diretti, belle melodie, ritmi sostenuti, tanta energia. Partenza positiva.

WARM MORNING BROTHERS – Not scared anymore   www.radiocoop.it/warm-morning-brothers-not-scared-anymore/

I fratelli Modicamore (affiancati in questa occasione dal violoncello di Elena Castagnola) aggiungono un altro prezioso tassello alla loro ricca discografia. Rimangono imperterriti e coerenti nel loro classico solco dai colori pastello, talvolta autunnali, altre volte afosamente estivi o avvolti dal tepore invernale di una stufa a legna, in un mix di folk che spazia tra Simon & Garfunkel, il McCartney acustico, sapori 60’s, malinconiche delicatezze di stampo Nick Drake, la lezione dei Kings of Convenience. Una band preziosa, che continua a regalare preziose gemme musicali.

ABBIAMO PUBBLICATO I SEGUENTI VIDEO:

AMARENA – Stanotte, MICO ARGIRO’ – Hijab, CHIARA ARIE’ – A domani,  BERLINO84 – Polvere, LE BISCE – Come Mauro Repetto, EMANUELE BOZZINI – L’eremita, DAVIDE CALANDRA – Marte, CAPITOLO21 – Pareti blu,  ANTONIO CARLUCCIO – La parola, CHIARA CARMOSINI – Per essere libera, ANTONELLA CARUSO – Stella di notte,  CASCATE – Routine, CECILIA – Blu, SIMONE CICCONI – La pioggia scenderà, ROBERTO CIPELLI – Prelude Op.28, PATRIZIA CIRULLI – Il mare immenso,  CIZCO – Dentro, CLEMENTE – Cuore, CLOUDE – Fuori, CORNIO – Onde fuori fase, CROWSROADS – Seaweed,  DAMIANO – Colpa della verità?, STEFANO DEL BRAVO – Scusami, DENISA Meraviglia, DHELI – Future vintage,  DIECI – Piccola farfalla nostalgia,  DIONISO – Solo una vita, DOS – Kosè,  DR.WESH – Disturbo post traumatico, EGO – Fiori,  ELODEA – Stand by, ESPANA CIRCO ESTE – Dormo poco, sogno molto, FLAVIO FERRI – Odio, ALEX FUSARO – Dipende da noi, GAUDIANO – Le cose inutili, MATTEO GHIONE – Your name, GIACOMODELGRUPPO – Un caffé per stare bene, DANIELE GUASTELLA  –  Umani,  JACK JASELLI – Ultimo addio, JAZZ ENSEMBLE – Vacation from the blues, IL PRETESTO – Gente distratta, RICCARDO INGE – Fulmicotone,  IPPOLITO – Quando, KREKY AND THE ASTEROIDS – No apologies, KYMYA – Smemo, IL DANDY MILANO – Bastardo, IL PESCE PARLA – La hit dell’estate scorsa, IL SOGNO DELLA CRISALIDE – Migliori di così?,  LA CRISI DI LUGLIO – La-Rissa, LAKIKI – Fammi una faccia, PIERPAOLO LAURIOLA – Le nostre fragili incertezze, LORTEX – Mia,  LUNATIC SOUL – Lavvie, MAESTRO PELLEGRINI – Inattaccabile, MARDI GRAS – You di something to me, MICHELE MAZZOLA – Everytime we said goodbye, MELANCHOLIA – Berlino, MOBBA – Seduzido, MODERN STARS – Jesus walk alone, MONARKAOTIKA – Il re,  NDM – Indieota, NEO GARFAN – Al di là del limite, NERO – Berci su, NEVI’ – Voglia di vivere, FABRIZIO NITTI – E tu vivi, IGOR NOGAROTTO – Italia vaffanculo, NOMOTION – Elizabeth, NOVA SUI PRATI NOTTURNI – Oggi 2020, OUTCATSERS – Diana, JOSE’ ANDRES TARIFA PARDO – Mat,  MARCO PARENTE – Nella giungla, PETROSS – Fam,  ROBERTO PEZZINI – Un ragazzo complicato, PHEROMONE SYNDICATE – My territory, RAESTAVINVE – Tequila,  RAS MAT-I – Borsalino, ROOFSIZE – Mr.Miyagi, ROSASPINA – Sette coltelli, CICCO SANCHEZ – Giostra,  ELISA SAPIENZA – Come la felicità, FRANCESCO SAVINI – Maratoneti,  MARCO SENTIERI – Occhi come nuvole, SUNBERNARDO – Santo Cielo, SWANZ THE LONELY CAT –  21 years , TARSIA – Dove siamo stati bene,  TFV – L’isola che non c’è, TOOLBAR – Come uno showman, GABRIELE TROISI – Lumache, TWICE 20 – Beautiful dream, VANBASTEN – Bevi bevi, FABRIZIO VELLA – Nel 1970,  WEFLY – In ostaggio del tempo, WE KIDS QUINTET – Nuvole, ZEN CIRCUS – Appesi alla luna, ZIODA – Malumore YUNG BELIAL – Black latex.

 

 

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.