OVERLOGIC – Gaslightning

Gaslighting, prima traccia del nuovissimo album degli Overlogic “Delife”, pubblicato da Urtovox su tutti gli stores digitali lo scorso 15 maggio, è una canzone schietta che strizza l’occhio all’electropunk, dove il ritmo tenace risponde continuamente al giro ipnotico del sintetizzatore, creando i giusti spazi ad ampie aperture melodiche con interventi noise elettronici.
La voce insistente porta avanti una provocazione, un dialogo contraddittorio con un qualcuno, che fa leva sull’insicurezza e sulla mancanza di personalità. In sostanza, Gaslighting è una specie di manifesto della disinformazione che descrive una realtà distorta.

Elide Blind, che ha già realizzato il videoclip di Whatever you may fear, secondo singolo di Delife, ha messo in scena le crude sonorità di Gaslighting realizzando il video di questa live session al TPO di Bologna, in cui le riprese e gli effetti visivi si fondono come a creare una particolare sinestesia

CREDITS Video
Directed and edited by Elide Blind
Mixing & Mastering by Claudio Adamo

Quella degli Overlogic è una musica eclettica, energica, dal sapore vintage, tra post-punk, elettronica e industrial music, ma con un occhio che guarda all’orizzonte della modernità. Atmosfere potenti e sognanti, a volte crude e dissonanti, altre volte permeate di leggerezza ed eleganza. Il significato di cui si fa portavoce Overlogic è il collante di queste sensazioni sonore: andare oltre la classificazione logica di un genere.
Tra le colonne portanti ci sono sicuramente i grandi maestri come i Kraftwerk, Nine Inch Nails, Daft Punk, Depeche Mode, Talking Heads e The Chemical Brothers, mentre trai i riferimenti più recenti si annoverano gruppi come Flaming Lips, Animal Collective, M83, Digitalism e MGMT.

Delife” è un concept album che mostra la faccia grottesca della quotidianità.
L’album,pubblicato da urtovox lo scorso 15 maggio,  è stato anticipato da due singoli/video:

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.