PASQUALE PROVENZANO – Multinazionale

Multinazionale” (prodotto da MIND), brano d’esordio del cantautore e polistrumentista Pasquale Provenzano (auto prodotto dallo stesso artista e distribuito dall’etichetta discografica MIND), disponibile su tutte le piattaforme digitale e in rotazione radiofonica . Il brano anticipa l’uscita del primo album “Piccole, minuscole cose”.

 

Il videoclip di “Multinazionale” accompagna letteralmente l’andamento del brano, in una sorta di “valzer indie-pop”, sulle cui note, Pasquale Provenzano si lascia andare alle sue elucubrazioni mentali. Il cantautore (classe ’95) racconta così la sua rassegnazione alla condizione sociale nella quale affoghiamo inesorabilmente: “le nostre vite condotte all’insegna del consumismo e la necessità di sentirsi accettati, che si dissolve nell’omologazione. Durante il suo vagare per Via Roma (Palermo), il cantautore si perde nel traffico, nelle luci della città, in un gioco di velocità che lo vede lento protagonista nella frenesia di questi giorni. Una breve odissea nei pensieri, che si conclude didascalicamente «alla Stazione Centrale» di Palermo, in un viaggio malinconico, dal finale sospeso.

Multinazionale” è un brano: “incantevole e magico, di ampio respiro, che riunisce metafore pop, sacro e profano spiega ProvenzanoIdoli e madonne della globalizzazione sono protagonisti di una nuova fede che annulla la personalità in favore dell’omologazione. “Multinazionale” prende l’ascoltatore di peso e lo porta via, passando nel cielo di una storia d’amore al contempo universale e privata, metafora del consumismo imperante.”

Lo stile musicale di Pasquale Provenzano mescola synth e cantautorato, poesia e lo-fi in modo inedito e sapiente, grazie ad influenze eterogenee, che spaziano da Dimartino, Lucio Dalla e John Mayer, fino a Billie Eilish.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *