ROBERTO RUSSO – Too much Too Boohoos

TooMuchTooBoohoos

I BOOHOOS furono una meteora luminosissima e violentissima negli anni 80 italiani.
Arrivarono improvvisamente con un carico di Stooges, MC5, New York Dolls, glam, hard, misero a ferro e fuoco per pochi anni la “scena” e scomparvero, lasciando una scia fluorescente che impedì a molti di apprezzarne adeguatamente la grandissima carica sonora e innovativa.

Una storia di distruzione e autodistruzione, perfettamente rievocata dalla parole di uno dei principali protagonisti, Roberto Russo, che della band fu chitarrista, compositore e tra i principali protagonisti, dall’inizio alla fine.

“Too much Too Boohoos” a cura della benemerita Crac Edizioni scandaglia con precisione (fin dove Roberto riesce a ricordare) la storia della band tra aneddoti e un approccio mistico a quell’esperienza che può risultare incomprensibile o esagerato per chi non ha vissuto quei momenti e quegli anni ma che è assolutamente fedele al racconto.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.