ROSSELLA SENO – La chiamano strega

Attuale, provocatorio e d’autore il nuovo album di Rossella Seno uscito coraggiosamente in piena emergenza Covid. Un’opera di impegno sociale, scritta a più mani da autori di spessore e destinata a scuotere anime e coscienze…

Esce oggi il video del brano “La chiamano strega”, primo singolo dall’album di Rossella Seno “Pura come una bestemmia” (azzurramusic).

Scritto da Michele Caccamo (testi) e Massimo Germini (musica), “La chiamano strega” evoca la storia vera di Simona Kossak, scienziata ecologista che ha vissuto per più di trent’anni in una capanna nella foresta di Bialowieza, senza elettricità ed acqua corrente, adeguandosi ai ritmi lenti della Natura e definita “strega” per comunicare con gli animali all’interno del rifugio allestito per loro.

Il video, realizzato da Simone Scardecchia, dal piglio surreale e un po’ “psichedelico”, mostra una caleidoscopica serie di immagini relative alle molteplici declinazioni di quella stessa Natura che la Kossak si è a lungo prodigata a preservare. Le immagini vanno a comporre, di volta in volta, diverse varianti del suo volto, alternando opulenza, magia e seduzione. Un’intuizione che si riferisce alla base alla figura della dea Diana, immagine della Natura, ritenuta nel Medioevo “Dea della Streghe”.

Cantattrice veneziana con alle spalle concerti, spettacoli e reading spesso improntati a tematiche sociali e di attualità, Rossella Seno ha miututo unanimi consensi in passato per la sua performance di teatro-canzone “Cara Milly” e per l’interpretazione dell’inedito “E il tempo se ne va” di Piero Ciampi e Alberto Marchetti che le ha visto conferire nel 2008 il Premio Speciale Ciampi.

Il suo primo album, “Pura come una bestemmia” (azzurramusic), rappresenta una provocazione al femminile in musica incentrata su temi scottanti e di grande impatto sociale quali immigrazione, violenza sui più  fragili, rispetto per l’ambiente, disuguaglianza e indifferenza. Tra gli autori che ne hanno firmato i testi ci sono Massimo Germini, anche in veste di arrangiatore, Pino Pavone, Piero Pintucci, Federico Sirianni, Erri De Luca, Michele Caccamo, Matteo Passante e Lino Rufo, che ha musicato un testo di Edoardo Sanguineti, La ballata delle donne, cantato da Rossella Seno con Mauro Ermanno Giovanardi.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.