SETTEMBRE – Le tue camicie

È online il video di “Le Tue Camicie” dei Settembre, ultimo estratto dal fortunato disco d’esordio “Grattacieli di Basilico”, pubblicato da Oltre le mura records e tra i migliori album campani del 2020 per Shockwave Magazine. Un album che ha riscosso il consenso di pubblica e critica, collezionando recensioni sulle principali testate di settore.

 

“Le Tue Camicie” è il brano che chiude il disco. Una canzone autobiografica e piena di significato, la lettera a un genitore che non c’è più. Angela la dedica al padre, anche lui musicista, scomparso prematuramente a soli 35 anni, affidando alla dolcezza della bossa nova il suo grandissimo amore.

 

Ci sono istanti della sua infanzia, che tornano come diapositive, con le camicie anni ‘90 conservate nell’armadio, il ricordo di una vecchia Volkswagen che sfreccia a finestrini aperti sull’autostrada meridionale sulle note di “Una Domenica Bestiale”. E c’è consapevolezza di un’artista ormai adulta, che ripercorre le orme del padre e attraverso la musica trasforma il proprio dolore.

 

Guarda il video su Youtube: https://youtu.be/u9BtNTPQafE

Video credits

Cinematographer : Michelangelo Maraviglia

Camera operator : Lorenzo Mancini

Assistente: Federica Cicchetti

 

“Volevamo che questo pezzo toccasse nel profondo – dice Angela – che fosse intenso, che fosse in grado di emozionare e che allo stesso tempo fosse un inno alla forza che ci lega alle persone a cui vogliamo bene, una forza che secondo me sconfigge le leggi della fisica e può attraversare il tempo e lo spazio. Quando avevo solo cinque anni mio padre mi mise su un palco e mi fece cantare per la prima volta in pubblico. L’emozione che provai fu incredibile ed è allora che decisi che volevo essere una cantante. Quell’emozione mi ha accompagnato ed è ancora con me ogni volta che salgo su un palco e penso non mi lascerà mai.”

 

Angela e Ivan , coppia nella musica e nella vita, si conoscono al Circolo degli Artisti di Roma, ma diventano una band a Londra, dove vivono per qualche anno prima di decidere di trasferirsi a Teggiano, un piccolo paese di campagna in provincia di Salerno. Qui hanno costruito uno studio di registrazione in una masseria immersa fra gli ulivi e hanno dato vita a “Grattacieli di Basilico”.

SETTEMBRE

“GRATTACIELI DI BASILICO”

 

“Grattacieli di Basilico” è una dedica alla vita, a Londra, Roma e Teggiano. Un viaggio musicale alla scoperta di quegli spazi – reali o immaginari – che custodiscono la nostra intimità. Si parte dall’amore e si arriva all’amore, perché, qualsiasi cosa succeda, basta anche uno sguardo per star bene.

 

La bossa nova attraversa tutto il disco. Tra pianoforte, chitarra classica, cori e riverberi ricordiamo un passato musicale prezioso e ci addentriamo in un presente prepotente, ma non per questo minaccioso. Gli elementi autobiografici si mescolano come acquerelli con elementi cittadini e naturali, definendo universi onirici, atmosfere delicate, sensazioni dal sapore intenso e pervasivo.

 

Grattacieli di Basilico è stato scritto, prodotto e mixato interamente dal duo. Il mastering è stato affidato a Julian Lowe, ingegnere dal ricchissimo curriculum proveniente dai celebri Metropolis Studios di Londra.

 

Link all’album su Spotify:

https://open.spotify.com/album/22gtKmJRe0VtFauQHjxLFP?si=o3lV2H58SiGkpvCiuQY-2w

 

Voce e immagini fanno questo disco intenso, come le foto di famiglia che ingialliscono nel tempo pur mantenendo vivi i sentimenti, e dilatato dal tocco espressivo di voce e cori.
Rockit.it

 

È sempre più difficile trovare musica valida e di qualità, ma “Grattacieli di Basilico” passa il test e ci conquista al primo ascolto.

Brainstorming Magazine

 

Talento d’altri tempi, si sarebbe detto in altri tempi. I Settembre mettono a frutto un connubio evidentemente efficace, senza sperimentare troppo ma senza risultare nemmeno troppo vintage.

MusicTraks

 

La bellezza di questo album è che riesce a portare nella tua stanza le atmosfere vissute da Angela e Ivan, i suoni lontani e riverberati in realtà portano queste sensazioni più vicine che mai.

Ukizero

 

Il loro album ci porta su percorsi che molti artisti in questo momento storico avrebbero paura di prendere dal momento che le classifiche portano altrove, ma seguendo quelle strade ci si ritrova in luoghi che, una volta raggiunti, restituiscono esperienze rare.

ShockWave Magazine

 

“Grattacieli di Basilico” è uno sguardo sincero sulle proprie mancanze, ma anche e soprattutto sulle ricchezze che queste mancanze hanno generato.

Music.it

 

 “Grattacieli di Basilico” è un album nobile e raffinato, coadiuvato da un linguaggio poetico e penetrante.

I SETTEMBRE PARLANO DI “GRATTACIELI DI BASILICO”

Già nella prima traccia, Teggiano, sono presenti i nostri caratteri distintivi. Melodie ricche e complesse che ricordano i grandi della bossa nova e del jazz pur volendo rimanere squisitamente pop e un linguaggio diretto e poetico. Le atmosfere vengono definite da suoni lontani e riverberati, dall’ un uso massiccio di chitarre classiche, chitarre lapsteel hawaiane, synth e orchestrazioni.

Ci siamo aperti a nuove soluzioni sonore, come in Due Come Noi, dove i versi culminano in un lungo assolo di lapsteel che ricorda i Pink Floyd o, nel gran finale dell’album con Le Tue Camicie – una canzone scritta per il papà di Angela, scomparso in giovane età e anche lui musicista – dove ci siamo lasciati andare a un’estasi sonora che sfocia nella psichedelía.

 

TRACKLIST

01 – Teggiano

02 – Lenzuola Blu

03 – Luna e Luca

04 – Due Come Noi

05 – Grattacieli di Basilico

06 – Giugno

07 – Roma di Sera

08 – Le Tue Camicie

 

CREDITS

Durata: 33:00

Etichetta: Oltre Le Mura Records – Roma

Autori: Ivan Imperiali e Angela Cicchetti

Produzione e Missaggio: Ivan Imperiali, Red Temple Studio – Teggiano (SA)

Mastering: Julian Lowe, JML Mastering – London

SETTEMBRE | BIOGRAFIA

Coppia nella musica e nella vita, Angela Cicchetti e Ivan Imperiali provengono dalla stessa regione, la Campania, ma si conoscono a Roma, nel quartiere bohèmien del Pigneto. Diventano una band a Londra, dove fanno la gavetta suonando nei locali canzoni della tradizione cantautoriale italiana riarrangiati per chitarra classica e voce. L’esperienza diventa un disco, “Settembre”, pubblicato dall’etichetta belga DimDin Records.

Nel 2018 Angela e Ivan decidono di tornare in Italia e vengono ammessi al Conservatorio Jazz di Salerno.  Si stabiliscono nelle campagne di Teggiano (SA), nella casa che era appartenuta alla nonna di Angela, e lì costruiscono un piccolo studio di registrazione che chiamano il Red Temple Studio dal nome della zona in cui sorge (Tempa Rossa). Per i Settembre è un cambio di vita radicale, dalla metropoli alle colline di ulivi, che però consente loro di dedicarsi interamente al progetto.

Nel 2019 escono i loro primi 3 singoli: “Teggiano”, ispirato dal paese che li ha accolti, “Luna e Luca” e “Lenzuola Blu”.

Nel 2019 vincono il Music Indie Contest organizzato da NEM Nuove Energie Musicali, arrivano in finale al Premio Donida e partecipano ad Area Sanremo.

A settembre 2020 esce “Grattacieli di Basilico”, il disco d’esordio, accolto con entusiasmo dalla critica.  Tutti i singoli estratti sono stati inseriti nella playlist di Radio1 Stereonotte.

Se ne innamora Red Ronnie, che li invita ad esibirsi più volte nelle sue trasmissioni, l’ultima a marzo 2021 dal Palafiori di Sanremo.

Nel loro sound si incontrano l’amore per la canzone d’autore, la musica brasiliana, il jazz e l’indie.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *