NEO BLU – Love me, stanotte

“Love me, stanotte” di Neo blu pseudonimo di Mara Scippa, cantautrice e producer di scuola EDM e Urban. Il brano è supportato dal video del regista Cosimo Maynard.

Già front woman del trio Bia Rama debutta da solista con il singolo “Love me, stanotte” un 
brano con un testo frutto di un’esperienza personale che accomuna molte donne.

Il brano parla dell’amore e la fiducia che si da al partner e anche se non sempre si è corrisposti non è ammissibile che non ci sia rispetto, specie quando nel rapporto di coppia le cose vanno male. Tutti meritano di ricevere rispetto e non sempre è scontato” – racconta Neo blu –  “L’argomento è importante e l’ho voluto esprimere con parole semplici e dirette perché arrivasse a tutti. Canto su un drop che vuole “smuovere e muovere” le coscienze e le responsabilità altrui immaginando di far ballare ed emozionare le persone. Il testo è scritto in inglese e napoletano, entrambi linguaggi che mi rappresentano. Penso – conclude – è possibile amare anche dicendo no, ma bisogna dirlo rispettando l’altra/o”.

 Nasce quindi, Neo blu.

Il neo blu, che Mara ha sulla tempia sinistra, è una tipologia di neo che va monitorato per i cambiamenti e trasformazioni che può avere e rappresenta una metafora della sua vita. Le sue evoluzioni imprevedibili hanno attraversato anche la vita di Mara che ai compromessi della società, e quindi “controllarsi” (come per il neo), risponde con grinta e lotta per sentirsi libera.

Per la cantante il “blu” è anche il colore dei tasti dei controller attraverso i quali lancia o registra le sue tracce ma rappresenta anche il cielo e il mare ovvero gli elementi cardini della sua terra di origine; tra armonia e tranquillità, turbamenti, tristezza e nostalgia, il “blu” è il colore che suscita tutte queste emozioni; le stesse che appartengo alla sua anima.

Mara, oltre a studiare pianoforte classico e conferito la licenza di solfeggio al Conservatorio di Avellino “Domenico Cimarosa”, è logopedista specializzata in Voce Artistica con master post-laurea in “Fisiopatologia, Didattica e Riabilitazione della voce cantata e recitata” presso l’Università di Napoli.
Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.