TARTAGLIA ANEURO – ‘O Lion

Raccontano i Tartaglia Aneuro a proposito della nascita di questo brano: «L’uomo è l’unico animale capace di andare contro natura…questo è il concetto dal quale siamo partiti per scrivere questa canzone che cerca di riflettere con la dovuta ironia su che cosa succederebbe se l’animale avesse lo stile di vita dell’uomo. Pigro? Ubriaco? Depresso? Tutte cose che succedono anche all’animale ma solo quando è in gabbia, libero invece esprime al massimo il suo potenziale, come natura vuole».

“O’ Lion” è tratto da “Oltre”, l’ultimo disco prodotto da iCompany con il sostegno del progetto Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura – Bando Nuove Opere” promosso da SIAE e Mibact.

L’album contiene 11 brani nei quali spiccano le collaborazioni con Daniele Sepe, O’ Zulù e Ciccio Merolla. Il titolo “Oltre”, vuole rimandare ai punti cardinali di una bussola che guarda verso l’oltre, verso quello che si nasconde dietro la monotonia della quotidianità, dietro la finzione dei media, dietro le insicurezze indotte. Quell’”Oltre” che sta vicino alla verità, troppo spesso sotterrata dalla superficialità che fa da padrona nella nostra civiltà. Un disco che si propone attraverso sonorità etniche, ritmi moderni, parole taglienti, ironia, melodie e sorrisi, di portare l’ascoltatore a contatto diretto con la sua voce interiore per ritrovare la sua magia naturale che non può che essere “Oltre” la superficie.

Tracklist:
Oltre”, “O’ Lion”, “Zucasang feat. Daniele Sepe”, “Leggi Armate feat. O’ Zulù”, “Fratm”, “Crateri”, “La Fenice”, “Respira cummè”, “Intro della Sibilla”, “A voce de Stregoni”, “Vero”.

Napoletano, o meglio, flegreo d’origine, ma poliglotta nell’anima, il progetto Tartaglia Aneuro nasce nel 2012 dall’incontenibile bisogno espressivo di Andrea Tartaglia che riunisce attorno a sé il chitarrista e compositore Paolo Cotrone, il bassista Mattia Cusano, il percussionista Salvio La Rocca, e dopo una lunga gavetta in formazione “unplugged”, si aggiunge in pianta stabile il batterista Federico Palomba, con cui inizia il lavoro di arrangiamento e rifinitura del materiale cantautorale di Tartaglia.  Andrea Tartaglia ha già all’attivo una nomination al Premio Tenco per il pezzo Le Range Fellon. “Oltre” è il secondo disco della band che segue “Per Errore”, album d’esordio del progetto Tartaglia Aneuro.

regia: Francesco Rocco
soggetto: Andrea Tartaglia
scritto da: Andrea Tartaglia e Francesco Rocco
montaggio: Francesco Rocco
aiuto regia: Marco Carotenuto
riprese video: Francesco Rocco e Marco Carotenuto
trucco: Daniele Robin
voce outro: Giulia Varone

con:
Andrea Tartaglia
Nicola Buono
Salvio La Rocca
Aurelio De Angelis
Mattia Cusano
Federico Palomba
Gianluca Capurro
Marco Carotenuto
Maurizio Palma
Giulia Varone
Maggie Ferraro
Selina Veronika Graf
Andrea Varone
Stefania Molino
Michele Di Bonito
Fabio Verdile
Francesco Rocco

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.