VAT VAT VAT – Audace come l’amore

con Vincenzo Gensale
Ballerini: Guglielmo Sara G. Lomazzo
Bambini: Gerardo e Mariangela Tartaglia

Regia: Roberto Flammia
Dir. della fotografia: Ugo Lo Pinto
Scenografia e costumi: Elodia Bianco
Coreografia: Antonella De Angelis ( Centro Studi Arteinmovimento)
Operatore: Aquilino De Simone
Aiuto fotografia: Salvatore Gargiulo
Elettricista: Pierfrancesco Baldi
Macchinista: Augusto Gargiulo
Montaggio e color: Blobber Media
Foto Backstage: Franco Caracciolo
Rent lighting e gripment: Cent02

Brano interamente registrato e mixato presso L’Arte dei Rumori Studio di Napoli – arrangiamenti Silvio Speranza & VATVATVAT – testo, voce e chitarra elettrica Giovanni D’Agostino – cori, piano, synth e synthbass Giuseppe Solito – batteria Andrea Solito – chitarre acustiche Dario Mancuso – Masterizzato da Gianni “BLOB” Roma

Il brano che anticipa il primo album dei VAT VAT VAT è un invito a vivere con coraggio e spontaneità le sfide che la vita ci riserva.

Quando tutto sembra perduto è l’amore a trarci in salvo; non si tratta però di quell’amore che nelle canzoni spesso viene narrato.

L’amore in questo caso è la forza che ci spinge, nonostante tutto, ad andare avanti senza timore o rimpianti.

Quando la realtà ci butta giù, infatti, chi ama ed ha amato realmente, non solo sarà imbattuto, ma risulterà essere l’assoluto vincitore.

 “Ricorda in fondo non è l’obiettivo a far l’uomo capace.

Il modo di essere in ogni intenzione è Audace Come l’Amore”

 AUDACE COME L’AMORE: Video

 Abbiamo scelto di rendere protagonista del video Vincenzo Gensale (nonno di Giovanni, il frontman).

Una persona che ha sempre agito in nome e per conto dell’amore.

Da macellaio a poeta, da cuoco a giramondo. L’amore è lui e non poteva non essere il protagonista di questa storia.

La location è vera:

Si chiama “Il Museo della memoria” ed è un vecchio Chalet in mezzo alle campagne irpine sistemato con tutti materiali di scarto dallo stesso Vincenzo.

Le pareti colorate sono tempestate di ricordi, poesie, canzoni e foto delle epoche passate.

Un posto mistico con le porte sempre aperte per i visitatori.

IL DISCO

 

Il rock è morto? Il pop è in mano ai talent show? Ad ascoltare questo disco di VAT VAT VAT diciamo proprio di no. Basta ascoltare un pezzo come “Solitaria”, pieno di invenzioni, arrangiamenti e suoni che non ti fanno mai capire cosa “c’è dietro l’angolo”, oppure l’uso del piano in diversi brani, per capire quanto ancora si possa fare all’interno della forma canzone. Basta la fantasia… e si aprono un sacco di nuove VIE. E VAT VAT VAT di fantasia e di strade da percorrere ne hanno da vendere.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.