CATENO – Suegno

Una ballad misteriosa

tra rintocchi orchestrali e un testo criptico

È in uscita il video di SUEGNO, ultimo singolo di CATENO, disponibile dal 9 marzo per The Prisoner Records, distribuzione The Orchard. Il brano segue il debutto del progetto musicale con il singolo LUCHINO, immerso tra il mistero intorno ai suoi mentori e la follia elettronica del suo universo musicale.
Con Suegno Cateno ci regala un altro aspetto del suo songwriting puntando su una ballata molto emozionale e intensa basata su una tessitura di pianoforte e su un arrangiamento orchestrale di archi di sapore “morriconiano”. Il tutto condito da un testo enigmatico che culmina In un ritornello “killer” che farà cantare molti.

“Qualche mese fa ero nella mia cantina. Mi sono inciampato e sono caduto addosso a una pila di cassette VHS che erano lì da anni, impolverate. Ho ritrovato vecchi film di Steven Spielberg e un tutorial sul basket. La sera stessa ho sognato Suegno, una piccola creatura che faceva visita ad una famiglia, cercava amicizie ed affetto. Provava a suo modo a trovare calore. Il mattino dopo ho scritto di getto questo brano”.
BIO
CATENO dà vita a un soggetto musicale a sé stante, scollegato da ogni logica e dai percorsi artistici dei suoi mentori.
Di Cateno D’Addario potremmo dire che rientra in Italia dopo una lunga permanenza negli Stati Uniti prima e in Bulgaria poi, paesi in cui ha lavorato quasi essenzialmente come produttore di colonne sonore. Negli ultimi due anni CATENO ha iniziato a dare forma compiuta ai tantissimi frammenti di musica e testi nati negli ultimi cinque anni nel corso di session di scrittura solitaria o con altri musicisti e autori. La prima traccia nata da questo lavoro di ri-composizione è “Luchino”.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.