Daisaku Ikeda, Herbie Hancock, Wayne Shorter – Storie di vita, jazz e Buddismo

Daisaku Ikeda è il presidente della Soka Gakkai, organizzazione buddista, oltre che pensatore, scrittore, poeta, intellettuale.

Un lungo incontro con i grandissimi jazzisti e compositori Herbie Hancock e Wayne Shorter (da lungo tempo legati al buddismo di Nichiren Daishonin) approfondisce le profonde relazioni tra religiosità, filosofia, creatività, etica.

Un connubio che è sinonimo di fresco rinnovamento e proiezione verso il futuro.
Uno scritto a tratti “tecnico” ma che è pervaso da una tale intensità e sincerità da risultare una vera e propria boccata d’aria intellettuale e spirituale.

E’ molto importante abbracciare le altre culture, anche quelle molto lontane dalla mia.
Questo tipo di azione rappresenta la saggezza dell’inclusione, la saggezza che deriva dall’apertura e dal rispetto per gli altri, dal rispetto per qualcosa che è al di fuori di me.

(Herbie Hancock)

La cosa più importante per un musicista è irradiare allegria e ottimismo, diffondere la luce e il sorriso.
Il musicista dovrebbe essere in grado di trasformare un umore depresso e pesante in uno leggero e solare, un cambiamento dalla pesantezza alla leggerezza.

(Wayne Shorter)

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.