FABRIZIO EMIGLI – Le tre cose che so

Fabrizio Emigli è un cantautore simbolo di Roma, che ha mosso i suoi primi passi nello storico Folkstudio di Trastevere, dove hanno esordito anche De Gregori e Venditti, in cui, tra gli altri, nel 1962 si esibì un certo Bob Dylan. In 40 di musica ha condiviso il palco con artisti del calibro di Sergio Endrigo, Edoardo De Angelis, Mimmo Locasciulli, Claudio Baglioni (Stadio Olimpico), vinto premi dal “Rino Gaetano” a “Musicultura”. Oggi torna sulla scena con il nuovo singolo “Le tre cose che so”, un brano di raffinata poesia, un breve racconto di sguardi e suggestioni, un’efficace sintesi artistica di forza e fragilità, di domande e rinascite. Il riassunto di ogni avventura umana, espresso con delicatezza e pudore, cura e rispetto. Il testo della canzone ci parla di attese e di finali da realizzare, risolvere e condividere; vuole essere un piccolo manifesto di quotidianità, in cui l’amore, i sentimenti, i pensieri per l’altro, il desiderio di costruirsi a vicenda, restano lo sfondo di ogni tragitto condiviso. Un racconto visivo fatto di sguardi, suggestioni, serene inquietudini, attese, è questo ciò che ci racconta il videoclip del singolo, scritto e diretto da Ico Fedeli e che vede tra i protagonisti Francesco Fiorini, figlio dell’indimenticata “Voce de Roma”, Lando Fiorini.

 

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.