MARCELLO ZAPPATORE – Senso spietato

Il videoclip del nuovo singolo di Marcello Zappatore
direttamente dall’ultimo cd, Susco
Alza un’agenda, taglia una mela, scende le scale, apre il frigorifero, sposta un libro: non trova pace Marcello Zappatore, protagonista del videoclip del singolo “Senso spietato”, diretto da Flora Tarantino, tratto dal suo ultimo album Susco (Workin’ Label) e online da giovedì 16 aprile.

Il musicista salentino, infatti, in ogni angolo della casa, si trova di fronte tante piccole e inquietanti presenze (musicisti, acrobati, ballerini e svariate figure, tutte miniaturizzate) che man mano si moltiplicano e invadono i suoi spazi. Non sa più neanche lui se il grande circo a cui assiste è reale o solo frutto della sua immaginazione.

Un elemento assolutamente singolare, poi, che carica il videoclip ancor più di mistero, è rappresentato da un gruppetto di uomini e donne in camice e mascherina che si aggirano senza meta, tra la marea degli altri minuscoli individui. Un’idea partorita molti mesi addietro, quando la situazione di allerta globale non era neanche lontanamente immaginabile.

Computer grafica, effetti speciali e montaggio video contribuiscono a fornire l’esatto specchio della estrema originalità e imprevedibilità di un chitarrista di altissimo livello che, nell’ultimo disco, gioca tra musica classica, rock, prog e fusion, con chitarra, basso e batteria, nonché strumenti acustici come sax, fisarmonica, violino, violoncello e flauti.

Un complesso lavoro di gruppo che parte da un’idea di Flora Tarantino e Marcello Zappatore e si concretizza con le riprese di Ivano Decataldo, gli effetti video e il montaggio di Fd-Light-Project, la fotografia di Giuseppe Stamerra e le riprese in Chroma Key effettuate presso Corrado Productions di Supersano.

Oltre ai musicisti che hanno suonato (Marcello Zappatore alla chitarra, Ovidio Venturoso alla batteria, Gianpaolo Saracino al violino, Claudia Fiore al violoncello, Fabio Zurlo alla fisarmonica e  Andrea Esperti al basso), ha preso parte anche un folto gruppo di comparse: Laerte Martella (man at work), Chiara Coppola (orsetto e vecchietta), Gaia Rollo (sonnambula), Maria Serena Iannò (sirena), Octavio De La Roza (ballerino), Camilla Colella (ballerina), Oren Schreiber (acrobata) e Loïse  Pitanga Haenni (acrobata).

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.