Nuova Musica Italiana – 4 recensioni

UNCLEDOG – Russian roulette

Il quintetto patavino è forte di una lunga attività live, spesso anche all’estero, un EP e il primo album “Russian roulette” registrato e suonato impeccabilmente, con ottima tecnica e perfetto uso vocale. I riferimenti principali pescano nel grunge più estremo di Soundgarden e Pearl Jam. Effettivamente nulla di nuovo ma proposto con tale competenza e capacità da renderlo appetibile per tutti gli amanti del genere.

LEATHER ALIVE – Loom

Durissimo e deragliante stoner grunge per la band cesenate con il torrido album di debutto “Loom” che rieccheggia, soprattutto a livello vocale, i primi Nirvana, quelli più abrasivi di “Bleach”. Riff essenziali di matrice Sabbathiana, ritmiche potenti e secche, un muro di suono. Ottimo esordio.

ELECTRIC TAURUS / PREHISTORIC PIGS – Split

Split caratterizzato da tre lunghi brani per la band di Dublino e il trio di Udine dei Prehistoric pigs alle prese con uno stoner psichedelico che guarda volentieri anche alle suite psichedeliche proto hard tra fine 60’s e inizi 70’s (dalle parti degli Hawkwind) intrecciandole con le sonorità decisamente più heavy care ai Kyuss.

FATSO JETSON / HERBA MATE – Early shapes

I veterani californiani Fatso Jetson precursori dello stoner desert rock tengono a battesimo i romagnoli Herba Mate già autori di un esordio autoprodotto. E i nostri reggono alla perfezione il confronto con i padri putativi del genere con personalità e capacità. Il tutto corredato da un elegante e raffinato packaging curato dalla label Go Down Records.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.