RICKY FERRANTI – Dubbi acerbi

“DUBBI ACERBI” (Radiocoop), il singolo di RICKY FERRANTI tratto dall’album “Al mondo”.
Le nostre basi sicure, quelle certezze su cui poggia la nostra usuale comfort zone stanno mutando, messe in dubbio da nuove domande e inevitabili interrogativi. Sono dubbi appena nati, ancora acerbi, e nel suo singolo Ricky Ferranti li canta tutti: dalla medicina all’informazione mediatica, dalla scienza alla religione. In ogni campo si intravede la polvere nascosta per secoli sotto il tappeto con le conseguenze che oggi stiamo vivendo.
Parlando di “Dubbi Acerbi”, Ricky Ferranti dice: «È un brano a cui tengo particolarmente in quanto parla di consapevolezza. Platone aveva capito come funziona la mente umana in relazione alla percezione degli eventi e della realtà che lo circonda. Oggi, più che mai nella storia, gli uomini ad uscire dalla caverna sono in tanti e ciò potrebbe sovvertire il tragico finale descritto da Platone».
Il videoclip di “Dubbi Acerbi”, diretto da Marco Cattaneo, racconta attraverso le immagini la nascita di alcuni di questi acerbi dubbi presenti in un numero sempre maggiore di persone. Nel video si alternano le scene di playback con alcune immagini che sono chiari richiami ad eventi storici. La scena finale ritrae Giò Patti che esce da un’ipotetica caverna e una frase presa proprio dal “Mito della Caverna” di Platone.
Biografia
Il cantautore piacentino Riccardo “Ricky” Ferranti vanta una formazione musicale molto ricca: diplomato al CPM (Centro professionale musicale) per due corsi dedicati alla chitarra elettrica, è anche un grande esperto di chitarra rock, rock blues e jazz. Ha insegnato all’accademia di musica Moderna di Piacenza, ed attualmente insegna al Livestudio di Codogno. Con la band Animali Rari, di cui è stato membro dal 2002 al 2012, ha suonato nei principali locali italiani ed accompagnato artisti italiani come: Fiordaliso, Smaila, Faletti e Grignani; ma ha anche suonato con artisti internazionali, come la cantante Angel Forrest (vincitrice di 3 blues Awards in Canada); la californiana Sherrita Duran e il cantante country John Luskey. Inoltre, con il trio Are Jay ha aperto i concerti di Fabio Treves e Davide van de Sfroos. Ha inciso diversi album come solista, quali “I feel the Blues” Cdbaby (2001), “Rusty Miles” Tanzan (2012) record e “Blue gloom” Freemood-Tanzan (2014) con il trio Are Jay e “Space Trip” (2018) Radiocoop. La passione per il blues il country ed il folk si concretizza nel CD “This Flame” (2016) e “One Soul” (2017) in cui emergono le chitarre acustiche unite a strumenti tradizionali quali banjo, mandolino, armonica e stomp box. Il suo ultimo lavoro discografico, “Feel the Blues”, è uscito in digitale lo scorso 7 gennaio.
Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Musicista (Chelsea Hotel, Not Moving, Lilith, Link Quartet, Lilith and the Sinnersaints, Tony Face Big Roll Band), produttore musicale (Statuto, Vallanzaska, Assist...) e scrittore (Uscito vivo dagli anni '80, Mod Generations, Le storie dal rock piacentino, The bluesologist, The original rude boy, Rock and goal, Paul Weller L'uomo cangiante). Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.