ROBERTO RAJMONDI – Dovunque dove sarà

A qualche mese di distanza dall’uscita di “Spirito e volontà“, una canzone composta durante il lockdown italiano e pubblicata a caldo con un partecipato videoclip, esce il nuovo singolo di Roberto Rajmondi, “Dovunque dove sarà (guardalo da qui), secondo singolo estratto dal suo ultimo album Cenere e vino (2019).

Il videoclip che lo accompagna è stato girato a Cefalú, terra d’origine del polistrumentista siciliano e gioca con uno degli effetti visivi più antichi della storia del cinema (da George Melies in poi, per intenderci): la moltiplicazione del soggetto nella stessa inquadratura, in questo caso, mentre “l’originale” canta, le sue “copie” suonano diversi strumenti (chitarra, mandolino, bouzouki, cajon, basso, fisarmonica).

L’amore lo trovi dovunque, ma dovunque dove sarà?“. Questa è la domanda che propone la canzone – scritta da Alberto Culotta, collaboratore del cantante cefaludese: “è un invito a ricercare l’amore con la “a” minuscola“. Il brano suggestiona anche con dei versi che richiamano la bella metafora contenuta nel capolavoro dello scrittore aviatore Antoine de Saint-Exupéry, Il piccolo principe: “Sarà dove trovi le rose, sarà quando coltivi le rose, sarà“.

Siciliano, classe ’87, Roberto Rajmondi (qui la sua pagina facebook) scopre la musica in famiglia, fin da bambino, e si appassiona alla chitarra, ma suona anche la tromba, il mandolino, il basso, il piano, la fisarmonica, il flauto e le percussioni. Ha all’attivo tre album, Profumo (2008), Senza Limiti (2016, con la Corner Band) e Cenere e vino (2019). Con due brani del primo lavoro partecipa alle selezioni del Festival di Sanremo, arrivando fino agli ultimi turni. Durante la quarantena fa uscire un brano dal titolo “Spirito e volontà“, accompagnato da un fortunato videoclip creato grazie alle riprese inviate via internet da numerosi fan dell’artista.

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *