Nuova Musica Italiana – 4 recensioni

Il NIDO – I piedi della follia

Esordio in salsa funk e fusion per Il Nido, dopo un ep uscito nel 2012.

Nell’album convergono anche intermezzi reggae, riff hard, ritmiche serrate, tocchi prog (che talvolta riportano agli Yes di “Tomato”), sfuriate funk punk che starebbero bene in un disco dei Living Colour e ancora jazz, swing, rockabilly. Di tutto. Il tutto condito da un ampio uso di ironia Zappiana. I piedi della follia” è godibile, divertente e zeppo di riferimenti colti.

www.gaidenrecords.com

 

INCENERE – Brindo alla vita

Trio trevigiano dai chiari connotati punk rock (tra Green Day, Punkreas e Social Distortion con momenti che riportano al punk dalle tine 60’s m) nati dalle ceneri dei Cattive Abitudini.

“Brindo alla vita” percorre sentieri ampiamente collaudati e battuti ma con convinzione, grande capacità tecnica, ottime canzoni e una produzione adeguata che rende giustizia in dinamica e potenza ad un prodotto di qualità.

www.maninalto.org

 

CORDEPAZZE – L’arte della fuga

Il secondo album del quartetto palermitano conferma la qualità del gruppo più volte premiata nel corso degli anni (Premio De Andrè, partecipazione al Tenco, Premio dela Critica a Musicultura 2009).

La canzone d’autore italiana (Fossati, Battiato su tutti e perchè no? il migliore Celentano che raccontava storie oblique) si mischia a sonorità rock e ad arrangiamenti di sapore new wave (e del Bowie berlinese).

Un ibrido ben equilibrato e di grande gusto,  levatura e raffinatezza.

www.cordepazze.it

 

CANEBIANCO – Intignato

Alle spalle anni di svariate esperienze e con EP all’attivo, i marchigiani Canebianco arrivano all’esordio sulla lunga distanza con 11 brani dalle influenze variegate, dalle matrici  folk alla rivisitazione tricolore di “Wild thing” dei Troggs con il titolo di “Se fossi” fino a influenze alla Clash che spuntano frequenti qua e là, arricchiti da testi di particolare spessore (“Dissento” e “Indignato” quest’ultima che sembra tratta da uno dei primi album di Eugenio Finardi).

Un lavoro molto interessante, accattivante, energico.

www.canebianco.beepworld.it

Antonio Bacciocchi

Antonio Bacciocchi

Scrittore, musicista, blogger. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in tutta Italia, Europa e USA e aprendo per Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao etc. Ha scritto una decina di libri tra cui "Uscito vivo dagli anni 80", "Mod Generations", "Paul Weller, L’uomo cangiante", "Rock n Goal", "Rock n Spor"t, Gil Scott-Heron Il Bob Dylan Nero" e "Ray Charles- Il genio senza tempo". Collabora con i mensili “Classic Rock”, "Vinile" e i quotidiani “Il Manifesto” e “Libertà”. E' tra i giurati del Premio Tenco e del Rockol Awards. Da sedici anni aggiorna quotidianamente il suo blog www.tonyface.blogspot.it dove parla di musica, cinema, culture varie, sport e con cui ha vinto il Premio Mei Musicletter del 2016 come miglior blog italiano. Collabora con Radiocoop dal 2003.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookies per permetterti una migliore navigazione. Navigandolo, dai il tuo consenso. Più informazioni | Ho capito.